Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.salviamopeterpan.com/htdocs/wp-content/plugins/paged-comments/paged-comments.php on line 31
17 anni dopo | Salviamo Peter Pan

17 anni dopo

Posted by lapo2001 on ott 27th, 2008

Dopo 17 lunghissimi anni il Napoli torna in vetta alla classifica(con Udinese ed Inter). E’ sempre più difficile fare commenti sensati, quando tale gioia pervade dentro di noi.

La solita tattica attendista e assai votata al sacrificio nel primo tempo e poi, quando gli avversari hanno iniziato a tirare un pò il fiato e si sono cominciate ad allargare le maglie, ecco il Napoli della ripresa che piace a noi, veloce e concreto. Anche la Lazio ha dovuto alla fine inchinarsi.

La difesa ancora una volta non senza affanni e con un pò di fortuna ha retto le sfuriate iniziali di Zarate e soprattutto di Pandev. Nei primi 20 minuti infatti, i bianco-celesti si sono presentati più volte dalle parti di Iezzo e solo per l’imprecisione degli attaccanti il risultato non è mutato. Lavezzi molto svogliato, Denis isolatissimo, Maggio con le polveri bagnate e Hamsik come ormai gli capita spesso sotto tono, hanno prodotto davvero poco e non sono stati in grado di far salire la squadra. Poi, la pressione col passare dei minuti è andata affievolendosi e proprio nei minuti finali del primo tempo, si sono viste le cose migliori:traversa di Gargano su punizione e tiro a fil di palo di poco fuori del Pocho.

Nella ripresa cambia la musica. Il Pocho decide che è giunto il momento di fare sul serio. Praticamente in tutte le azioni importanti c’è il suo zampino e in partcolare quando si è incuneato come un fulmine nell’aria avversaria(a me è sembrato bip-bip di Willy il coyote) e dal suo cross poi è scaturito l’autogol di Sivilglia.  L’urlo a casa Dgiuffre è stato dirompente. Persino Danilone si è scomposto. Persino The Ass s’è svegliato.

L’ultima parte di gara è stata poi, un continuo guardare l’orologio. Ogni 20 secondi: Antò quanto manca?Antò quanto manca?Il minuto 38 sarà sarà durato 2 giorni, l’ho fissato ininterrottamente. Sofferenza perchè Inzaghi Junior in campo è sempre una mina vagante. E’ un re nei rimpalli e nei colpi di culo per cui, il terrore ci ha invaso. Prima una traversa di Pandev e poi, immediatamente dopo, una girata a porta vuota di Inzaghino ci hanno fatto liquefare. E poi, le altre 700 azioni in contropiede mai concluse a buon fine, ci hanno finito di innervosire. Nervoso che si è trasformato in gioia al fischio finale di Banti, quando ormai credevo fossero le 22.00… Gioia immensa.

E sì, dopo 17 anni abbiamo di nuovo le vertigini…

Blasi ammonito, salterà la partita di mercoledì contro la Reggina…il capitano scalpita. Grande Navarro. Reja in nazionale…

Bisogna crederci…Bisogna crederci…
Forza Napoli Sempre

Share and Enjoy:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace

5 Responses to “17 anni dopo”

  1. 1
    GEPPETTO45 Says:

    Va bene che stare zitti è il miglior Commento !!! ma diavolo dove siete ,la contentezza vi ha fatto perdere la voglia di dire la vostra o è troppo banale dire che ” SIAMO GRANDI ”
    non mi va che dopo 24 ore il numero dei commenti è sempre fermo sullo zero…..
    Giggi..inventa qualcosa

  2. 2
    dgiuffre Says:

    Fantasticando… fantasticando…

    Una settimana fa, prima della partita contro i maiali, Francesco “Corona” Catapano dava per scontata la vittoria e il Minao nel frattempo faceva i conti in previsione delle 4 squadre per la Champions…
    Ho guardato Lapo e ho detto: “qui si sta fantasticando”
    La vittoria contro gli “odiatissimi” è arrivata e nel viaggio di ritorno, nell’euforia generale, qualcuno ha esclamato: “e se vinciamo anche a Roma?”
    Non ho avuto esitazioni nel pensare: “qui si sta fantasticando”
    I tifosi napoletani si esaltano facilmente ma in settimana è uscito fuori il giusto timore verso una partita difficile e una avversaria, la Lazio, insidiosa.
    Domenica l’ennesima conferma di uno straordinario Napoli. Si, perchè secondo me, il Napoli ha stravinto e ha straconvinto. Una squadra che ha saputo, anche se in affanno, tamponare la sfuriata iniziale di Zarate & Co. e dopo è uscita fuori prendendo in mano la partita ottenendo una vittoria strameritata.
    Al fischio finale tutti a gioire; il Minao già prevedeva una serata di puro zapping tra le trasmissioni sportive, Lapo farneticava confusamente con un sorriso a 64 denti stampato sulla faccia, l’assessore si è svegliato, Tonino Acampora cambiava da un canale ad un altro per vedere e rivedere la classifica… Quando poi sono andati via sono rimasto sul divano qualche minuto e pensavo: ma allora FANTASTICHIAMO!!!!
    !@!*!#!FORZA NAPOLI!@!*!#!

  3. 3
    lapo2001 Says:

    Geppo, dgiuffre molti hanno il timore di esprimersi per una questione di scaramanzia. Ed anche il FANTASTICHIAMO di Diego lo condivido in pieno. Però voglio ribadire un concetto che parte già da un pò di tempo: Bisogna crederci…bisogna crederci…e facciamo vedere che ci crediamo!
    Geppo, cosa devo inventarmi? Vuoi che mi metta a zombettare con un leopardato ascellare?…Però, però…qualcosa si può sempre fare;)

  4. 4
    dgiuffre Says:

    …ma certo che ci crediamo! Proprio noi che dicevamo di crederci quando stavamo in C e ci andavamo a vedere il Cittadella, il Chieti, il Sora…. dobbiamo CREDERCI!

  5. 5
    gabry Says:

    IO CI CREDO!

Leave a Reply

Archivi