Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.salviamopeterpan.com/htdocs/wp-content/plugins/paged-comments/paged-comments.php on line 31
Bologna – Napoli 0-2 | Salviamo Peter Pan

Bologna – Napoli 0-2

Posted by lapo2001 on apr 11th, 2011

216216_10150151908140493_666540492_7081148_5820017_n

XXXII Giornata
Bologna – Napoli 0-2 (Mascara, Hamsik su rig.)

Avere la freddezza per raccontare la trasferta favolosa di Bologna è impresa titanica. Sì, perché discernere parole dal miscuglio di emozioni che mi ha invaso, sarebbe come tenere in mano un bicchiere d’acqua e spiegare l’Oceano. E parlare di acqua salata, in un luogo come Bologna, sarebbe assurdo. La bella e cordiale città emiliana, per un giorno, ha invece conosciuto il suo effetto. Clima estivo, 30°, bermuda, bibite fresche e gelati, e ieri, solo per ieri, la città ha provato anche l’ebbrezza di essere inondata dal mare. L’Oceano azzurro, appunto.
Il Napoli, questo Napoli, mi riconcilia. E’come se questa passione finalmente abbia di nuovo avuto ragione. Gli interessi, i contratti, gli sponsor, le prove tv e le intercettazioni telefoniche, costantemente minano questo sport della credibilità e spesso, del vero e proprio senso. In giornate come quella di ieri, invece, le carte sporche e i veli del sospetto si disciolgono e lasciano per un paio d’ore il palcoscenico alle emozioni. Quelle pure, grezze, vere. Ho difficoltà a spiegare, ma le immagini dello stadio ricoperto per tre quarti da bandiere, striscioni e palloncini azzurri e i cori che accoppavano qualsiasi altro suono, mi ha fatto tornare indietro di 20 anni e quelle sensazioni,di sicuro, saranno ricordate a lungo. Anche fino al prossimo titolo della Giuve.
E’impossibile descrivere ciò che ho provato, dicevo. L’attesa spasmodica in settimana aveva ingigantito l’ansia e questa, una volta sfogata, prima, durante e dopo la partita, ha creato un dolce subbuglio dentro di me indecifrabile. E allora, per evitare, che questo si tramuti in un foglio da libro cuore o un attestato d’amore incomprensibile che rasenti il patetico, mi affido alle citazioni della mia banda e il meraviglioso mondo partenopeo circostante. Tralascio le bestemmie del Giuffrè e mie, riguardo il pasto consumato presso un camioncino a pochi metri dallo stadio. Panino con hamburger in cui non si distinguevano i sapori e una birra che di birra aveva solo il colore, non meritano ulteriori commenti. Commento che invece ottiene la lunghissima fila fuori i distinti, da cui fuoriusciva uno sbiadito rosso-blu solo ogni 50 metri e più. Catapo, sbalordito da quella fiumana ha detto: “E’ impressionante. Questo esodo è già una vittoria. Pensaci un attimo a Lucca quando eravamo io e te”.
Siamo entrati nel settore ospiti, un’ora e mezza prima dell’incontro. Dopo aver vivisezionato tutta la curva, il Giuffrè ha individuato i posti migliori. Ho capito il motivo solo quando mi ci sono seduto.I due signori dietro di noi, immersi nelle loro letture sportive, costituivano un ombrellone perfetto. Uno somigliava a Bud Spencer e l’altro a Galeazzi. Il sole alle nostre spalle è stato meno assassino, ma il caldo non ha avuto pietà. Tant’è vero che ho pensato a Carlo Cafiero quando il giorno prima mi ha detto: “portati il costume”. Ma anche il secchiello e la paletta, avrei aggiunto. Meraviglioso il Catapo, ieri in gran forma. Nel giocoso e divertente siparietto che s’è venuto a creare con il simpatico Germano(di un Posto al Sole), ad un certo punto gli ha piazzato la macchina fotografica in mano e gli ha chiesto uno scatto. Contento l’attore ha risposto che finalmente poteva essere lui il fotografo e non il contrario. E il Catapo, strepitoso, gli ha subito proposto ridendo: “visto che ci tieni tanto, dopo ti firmo anche un autografo(?!). Il Taca, invece, è stato un po’ più sulle sue, ma nelle poche occasioni in cui si è espresso, ha subito sbaragliato la concorrenza: “Ma lo stadio si chiama Dall’Ara, per via di Tony Dallara?” e poi, durante la partita: “albitro, ammonilo, ammonilo!”. Eccezionale. Zio Gerry, che invece è stato costretto a malincuore ad assistere la partita in tribuna nei pressi della famiglia Cavani, all’uscita mi ha confidato: “Ora sarà chiaro a tutti, chi è l’unico insostituibile della squadra(Pocho n.d.r)”.
Della partita è stato detto di tutto. Ho apprezzato molto Ruiz, di cui non si può che prevedere un roseo futuro; Yebda, che secondo me, ha giocato la migliore partita da quando è in azzurro; e Mascara, che in queste ultime due gare, si è ritagliato uno spazio importantissimo e sta ripagando alla grande. Ma la squadra, in toto, ha giocato come doveva e come sapeva. E riuscire a vincere, giocando bene, senza il Matador, uomo di punta, non può che farmi continuare a sperare e sognare.
Al termine, però, completamente inondato dall’oceano di cui sopra e dalla tempesta emozionale di cui sopra, un barlume di lucidità, l’ho avuto. Gli azzurri, a fine gara, sono venuti sotto la curva. Felici, abbracciati e soddisfatti . Ma non ho notato scene euforiche da appagamento , il che, dalle nostre parti, rappresentano un evento. Mi hanno dato l’idea che festeggiare una battaglia per loro sia sacrosanto, ma la concentrazione e l’equilibrio non devono mai essere persi di vista. C’è una guerra (sportiva) da combattere, eh. Tutto ciò mi ha rincuorato e un po’ li ho invidiati: l’equilibrio io l’ho perso ormai da una settimana abbandonante. E su questo tema, faccio intervenire il Minao che abbracciandomi in quel momento m’ha detto: “io ci credo, loro di più e tu?”. E io? E io, se li vedo così, come faccio a non crederci. E il Giuffrè: “ho capito, ma il Milan su sei partite, due non deve vincerle, quali?”. Eh, quali? E chi sa rispondere?
Unica nota stonata della favolosa trasferta bolognese: si è scaricato il cellulare. Per cui saluto qui, oltre la mia immensa banda, anche chi non sono riuscito ad incontrare: il Vate e Francesco Grande in primis. Il Gallo e Roberto Napoli che ho intravisto tra primo e secondo tempo. Gabriella e Marco Florio e i ragazzi del mitico Club Napoli di Piano di Sorrento. E chiudo ringraziando il simpaticissimo Germano autore di questa foto e il messaggio che ho potuto leggere solo stamattina di Carlo Cafiero: “cantare “siete ospiti” al Dall’Ara non ha prezzo”. Il sogno continua.

Forza Napoli Sempre

La 10 non si tocca.

15-05

Share and Enjoy:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace

12 Responses to “Bologna – Napoli 0-2”

  1. 1
    dgiuffre Says:

    TACA o CATA questo è il dilemma!
    Ieri tanti, tantissimi si sono recati al Dall’Ara per seguire il Napoli in trasferta… ma signori miei non tutte le trasferte sono uguali!
    - La trasferta TACA è per tifosi di un certo tipo e ti offre la possibilità di scegliere tra l’aereo con la squadra del tuo cuore o al massimo il treno in prima classe: Freccia Rossa dove l’alta velocità è benedetta. La trasferta CATA invece è per i tifosi più veraci quelli che si accontentano del primo mezzo di locomozione recuperato poco prima della partenza: Punto Rossa dove l’alta velocità è maledetta (da Lapo)!?
    -Con trasferta TACA vai a pranzo al ristorante gustando i sapori locali e entri allo stadio anche 5 minuti prima della partita. Con la trasferta CATA lasci l’auto a 5 Km dallo stadio, a piedi sotto il sole cerchi il primo chioschetto che ti rifila un panino con l’hamburgher… senza pane e senza hamburgher!?
    - La trasferta TACA ti consente di assistere alla partita nella tribuna coperta dove hai la possibilità di chiedere ad un personaggio famoso di farti una foto insieme. Quella CATA invece è rigorosamente nel settore ospiti, sotto la pioggia o il sole cocente dove all’unico personaggio semi-conosciuto gli chiedi di farti una foto spiegandogli quale pulsante premere e raccomandandogli di inquadrarti bene!?
    - La trasferta TACA ti fa tornare a casa interloquendo con il tuo Presidente scoprendo aneddoti e invocando Messi. Con la trasferta CATA speri di tornarci a casa nel buio di un’autostrada che non finisce mai dove al massimo parli con lo speaker della radio!?

    A parte gli scherzi la traferta, in qualsiasi modo si faccia, è sempre bella se poi bisogna seguire questo NAPOLI allora è magnifica!!!!

    ForzaNapoliSempre

  2. 2
    catapo Says:

    la mia CHIAMANSI trasferta….le altre sono gite di piacere.
    Ma che vuoi fare, nella partita di domenica ho visto tante facce nuove, parecchie ero solito vederle solo in discoteca o a piazza tasso…gente mai vista allo stadio..quindi è giusto che ci siano anche TACA e company…..

  3. 3
    catapo Says:

    p.s.: EL MOTA NON SI TOCCA

  4. 4
    lapo2001 Says:

    dgiuffrè, mi hai fatto scompisciare, ma non posso esprimermi se non a favore di entrambe le compagnie. TACA o CATA e non sarai mai deluso. Col CATA, a parte qualche sporadico episodio, solo partite di nicchia(Berlino, il 2-3 con la Giuve o Cesena). Con TACA, lo spettacolo è assicurato anche fuori dal campo e dalla partita. Il cappotto di cammello, le trofie genovesi o il sangue di toro sono solo alcuni esempi.
    Sta di fatto che preferisco sempre l’ammucchiata. Per cui, caro Taca, vai a tesserarti. Ora puoi farlo.

  5. 5
    fabrizia Says:

    mi sono divertita ed emozionata… complimenti a gigi che riesce ad emozionare, come sempre… complimenti a diego per il suo commento… esilarante e perfetto nella descrizione…

  6. 6
    tifoso occasionale Says:

    io preferisco andare con TACA, qualche volta, solo se il napoli è secondo in classifica. e mi raccomando, portate anche ripetta.
    Tifoso Occasionale

  7. 7
    dgiuffre Says:

    AntiUDINESE:
    DeSanctis CampagnaroCannavaroRuiz MaggioPazienzaYebdaDossena LavezziCavaniHamsik

  8. 8
    catapo Says:

    IDEM a quella di Giuffrè
    ovviamente, schiererei el mota al posto di pazienza, ma il mister no (e chi gli dice niente…)

  9. 9
    lapo2001 Says:

    come dgiuffrè e catapo

  10. 10
    Adidas purple shoes Says:

    http://www.davisgreen.co.uk/online/Adidas-Samba-sneakers.html Adidas Samba sneakers

  11. 11
    Adidas superstar 2 Says:

    http://www.madleyproperty.com/sale/Adidas-Canada.html Adidas Canada

  12. 12
    Adidas superstar sneakers Says:

    http://www.laminitisclinic.org/brand/High-tops-adidas-shoes.html High tops adidas shoes

Leave a Reply

Archivi