Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.salviamopeterpan.com/htdocs/wp-content/plugins/paged-comments/paged-comments.php on line 31
Diego | Salviamo Peter Pan

Diego

Posted by lapo2001 on giu 28th, 2011

Diego

Ci sono momenti in cui è bene rifugiarsi. Questo è uno di quelli. Le bandiere sventolano a seconda del vento e la fiducia barcolla.
Meglio Diego, come sempre, anche in pantofole.

Grazie al Minao.

Share and Enjoy:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace

3 Responses to “Diego”

  1. 1
    dgiuffre Says:

    Ho visto questa foto e appena ho letto il tuo commento ho pensato: “…E’ come quando deluso da una storia d’amore chiami la ex, quella con cui hai avuto una storia burrascosa ma fuori dal normale, quella che nonostante tutto ha saputo regalarti momenti indimenticabili, quella che anche dopo tanto tempo sa sempre come prenderti, quella alla quale resterai in un certo modo sempre legato!…”
    Ma poi, caro Lapo, mi è venuto in mente il concetto di fede e devozione. Ho pensato agli altarini nei vicoli di Napoli, ai matrimoni celebrati secondo il rito Maradoniano e al fatto che solo pochi giorni fa si è commemorato il 25° anniversario di uno dei suoi miracoli. Diego non è quel buffo cinquantenne che cerca di fare l’allenatore ma un’entità che si presenta a noi sotto varie vesti nei momenti di euforia ma soprattutto in quelli di sconforto; pensiamo a lui dopo una giocata del Pocho o dopo una vittoria a Torino ma soprattutto dopo l’ennesima sconfitta a San Siro. Diego rappresenta ancora oggi la speranza che nella vita anche noi napoletani possiamo gioire ed essere fieri della nostra città. Maradona ha fatto di tutto per mantenere la parola data al popolo: ha convissuto con l’invivibilità di una città, con la camorra e le sue mille difficoltà ma ha lottato contro tutto e tutti, contro il potere e contro le sue debolezze nell’unico intento di regalarci quello che aveva promesso… vincere! Maradona non è Dio ma sta a livello di Masaniello e San Gennaro!!!
    Ma credenza ed illusione camminano di pari passo, spesso si confondono e si sovrappongono e così come aspettiamo il rito della liquefazione puntualmente ci illudiamo che il nostro sconfinato amore verso una maglia possa coinvolgere a tal punto un campione da legarsi a noi per tutta la vita. Non lo ha capito uno stabiese anche perchè ignorante, non lo ha compreso uno slovacco anche perchè freddo e pragmatico, speriamo lo possa capire un sudamericano… preferibilmente argentino!
    Sto per rassegnarmi, nel calcio moderno non c’è spazio per i sentimenti. I nostri cori, le nostre lacrime… tutto inutile!

  2. 2
    catapo Says:

    Deluso da una storia d’amore? Diego, ma che amore? è solo merce, tutta merce. non puoi parlare d’amore riferendoti ai giorni di oggi. l’amore lo abbiamo lasciato alla fine degli anni 80. Amore incondizionato, di chi viveva Napoli con le sue cotnraddizioni, con i suoi pregi e i suoi difetti.
    Ma quali bandiere. Mi stupisco nel vedere che qualcuno si stupisce. L’anno scorso era per un argentino, oggi è per uno slovacco, probabilmente domani sarà per un napoletano o per un uruguaiano. E’ la solita solfa.
    Bisogna ricordarselo, però, quando poi ci facciamo scrupoli se dobbiamo fischiare questo, contestare quello.
    Ribadisco quanto detto tante volte: gli ultras hanno sempre ragione. Amano solo la maglia….dici che è giunta l’ora di “rassegnarci” a questo principio anche noi?
    Questo qui sopra è un’entità astratta…da venerare ed amare per SEMPRE. Ma Lui è un extraterrestre, in campo e fuori.

  3. 3
    fabrizia Says:

    Diego, come sempre, le tue parole colpiscono al cuore… in queste poche righe che hai scritto, e che riporto, emerge l’amore di un popolo intero per una persona e solo chi non è di napoli non può capire…

    “Maradona ha fatto di tutto per mantenere la parola data al popolo: ha convissuto con l’invivibilità di una città, con la camorra e le sue mille difficoltà ma ha lottato contro tutto e tutti, contro il potere e contro le sue debolezze nell’unico intento di regalarci quello che aveva promesso… vincere!” COMPLIMENTI…

Leave a Reply

Archivi