Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.salviamopeterpan.com/htdocs/wp-content/plugins/paged-comments/paged-comments.php on line 31
Napoli – Genoa 0-0 | Salviamo Peter Pan

Napoli – Genoa 0-0

Posted by lapo2001 on gen 31st, 2010

XXII Giornata
Napoli – Genoa 0-0

In televisione e sui giornali di domani leggerò sicuramente della grandissima prova degli azzurri, della iella nera, degli errori sotto porta di Denis & co, delle Volkswagen di Aurelio, della striscia di 15 partiti utili, del mercato che sta per concludersi, del macroscopico mani in area di Dainelli e del conseguente macroscopico abbaglio di Morganti. Mi spiace invece, che difficilmente avrò il piacere di leggere dell’assoluta incapacità e del modo assurdo con cui l’arbitro ha diretto la gara. Non sto soffermandomi sul rigore incomprensibilmente negato e nemmeno su altri episodi particolari, compreso il set vinto dai genoani nella improvvisata partita di pallavolo (almeno 4 “mani” non sanzionati). Voglio semplicemente attirare l’attenzione sulla conduzione di questo novello Rosetti(chi vò capì, capisce): per un terzo della partita la palla è stata in possesso del portiere Amelia (per ogni rinvio 22 minuti di stop) senza che la gacchetta-cacchetta gialla sia mai intervenuta nemmeno verbalmente; spesso s’è intattenuto in dialoghi e chiarimenti spezza-ritmo con i calciatori, gli allenatori e i fotografi, specie nel secondo tempo, quando il Napoli stava meglio esprimendosi a livello di intensità; ha applicato la regola del vantaggio a suo piacimento senza uniformità, così come la gestione dei cartellini; ha reso possibile l’ostruzionismo, permettendo l’ingresso dei massaggiatori ad ogni lagna-sceneggiata dei calciatori rosso-blu, talmente spesso, quasi da farmi pensare ad un certo punto che il Genoa stesse giocando in 13 (più lui 14); ha invertito delle punizioni e visto dei fuorigioco che nemmeno il Moviolone di Biscardi avrebbe potuto giustificare ecc. ecc. ecc. (e in questi 3 ecc ci stanno poi tutti, tanti, troppi, orrori che non voglio nemmeno ricordare). Qualcuno poterebbe obiettare, adducendo il tutto solo allo spuntino pesante del pomeriggio o ad una sua particolare serata negativa, dimostrata anche dal piazzamento in campo quasi sempre errato e che le mie esternzioni siano solo il frutto di una fresca arrabbiatura post-partita. Beh, vi dico, sono seduto, calmo e cerco di esprimermi con obiettività, senza farmi prendere troppo dalla “tifosite”, ma non posso non chiedermi: ma quelle poche volte che casualmente s’è trovato in buona posizione per vedere e soprattutto capire che la partita in corso era football (foot=piede), perchè non ha visto? Perchè?

E’ difficile che mi esprima così sugli arbitri, o che mi faccia coinvolgere in uno spicciolo vittimismo, perchè ho sempre pensato che gli errori facciano parte del gioco. Ed anche in casi ed episodi più eclatanti, a parte gli improperi e gli sfoghi di rabbia(vedi il rigore a Parma), non ho mai voluto pensare che quella del “padrino” calcistico fosse una saga, altrimenti non avrebbe nemmeno senso essere lì, spendere denari e prendere freddo (stasera c’erano 2 gradi al San Paolo, -16° nella macchina del Minao). Ma il fatto che tra poco, cambiando i canali e aprendo le pagine delle maggiori testate sportive nazionali, non leggerò della scandalosa conduzione arbitrale mi rattrista molto. Ci saranno i siparietti di Mourinho, i siparietti di Cassano, l’intervista del nuovo Cassius Zac Clay, i dolori al pancino di Pato, il prossimo colpo di mercato di Moratti che sta per terminare l’allestimento della quarta squadra titolare e tutto ciò che ho menzionato ad inizio post che distoglieranno l’attenzione da ciò che è accaduto a Fuorigrotta:l’oggettività di un comportamento. Mentre i tifosi, la città, la storia e la squadra, oggi più che mai, meritano rispetto e non il sospetto.
Questi ragazzi ci stanno facendo ammattire. Non ho ricordi recenti di un gruppo così bello, di un coraggio, una forza e una personalità così spiccata e non voglio che i nostri sogni siano spazzati via, polverizzati da decisioni che col calcio non hanno niente a che vedere. Perchè ieri sera, l’esimio signor Morganti Emidio e i suoi 2 compari, col calcio non c’entravano niente. Forse avranno sbagliato indirizzo, saranno venuti ad arbitrare la partita di un altro sport…
Già ci avete provato in passato, non fateci disamorare di questo meraviglioso gioco.

Mi sono dilungato, perchè raramente ho visto cose del genere e per me hanno molto rilievo, molto più di ciò che pensano i “giornalai” e i “televisionari”. Questo non toglie niente alla eccezionale gara della nostra squadra, una delle migliori casalinghe di questa stagione. Se si pensa che il Genoa del calcio champagne non abbia mai fatto un’azione degna di nota, la dice lunga. Tutti hanno dato tutto sino all’ultimo secondo, senza che si possa rimproverare niente. Tutti sono stati come noi vorremmo che siano sempre, ma un plauso particolare va al nostro capitano, fischiato e oggetto di scherno di molti (compreso me) in passato. Cannavaro(quello vero) è stato semplicemente strepitoso. E’ vero che nelle ultime uscite si era già ottimamente comportato, smentendoci, ma quella di ieri è stata inequivocabilmete la sua migliore partita. Grande capitano. Grande Napoli!

Aspettando il Pocho…
Lippi, oltre a Grava, mi sa che dovrai portare anche Paolo in Sudafrica…
Spezzate le catene…

Forza Napoli Sempre

Share and Enjoy:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace

3 Responses to “Napoli – Genoa 0-0”

  1. 1
    geppetto45 Says:

    Io continuo ad essere felice e a sognare….aspettando San Siro!!

  2. 2
    dgiuffre Says:

    Che peccato! Che sfortuna! Che schifezza di arbitro… se di arbitro si può parlare!?
    Qualche errore sotto porta e una conduzione di gara ridicola frena un Napoli che ancora una volta dimostra di essere una squadra solida in continua crescita. Abbiamo dominato per tutta la partita i nostri avversari che erano venuti a giocare con il chiaro intento di portare a casa un punto. Il Genoa ancora una volta si è dimostrata poca roba: un organico con pochi fenomeni (Criscito e Palacio), che fa le sue fortune al Marassi, guidato da un ottimo allenatore… anche se di origine suina! Molti la indicavano come un esempio da seguire e invidiavano un presidente pronto a spendere e spandere. Andate a vedere “l’ottima compagna acquisti 2009″: Floccari, Acquafresca, Zapater, Kharja, Esposito, Crespo…
    Io mi tengo stretto il mio presidente, il mio allenatore e (se riesce a vendere Rullo a titolo definitivo) anche il mio Direttore. Mi tengo stretto il mio capitano che sabato è stato superlativo e mi tengo stretto questo punticino che nonostante tutto ci fa muovere la classifica ancora una volta senza subire gol. Una vittoria ci avrebbe consentito di essere, anche solo per una notte, al secondo posto e oggi avremmo parlato di una Champions ormai in tasca. Ricordatevi sempre che una squadra che ne risente dell’assenza di Pazienza e che presenta in organico gente come Grava e Zuniga, se si trova lassù è perchè sta facendo cose straodinarie con un ottimo lavoro e tanta, tanta umiltà. Nel calcio tutto è possibile e allora crediamoci… nonostante gli arbitri CREDIAMOCI!

    ForzaNapoliSempre

  3. 3
    catapo Says:

    Vabbuò, ja, dopo una settimana di ferie torno a stilare il mio pagellone. In attesa che la FIGC compia il suo lavoro, di cui si iniziano a vedere i primi segnali, godiamoci questo quarto posto. Poi torneremo li dove gli altri vogliono che stiamo, e solo allora inizieremo a sentire chi, anche adesso, ci sta leggendo in silenzio e da tanto, tanto lontano….per il momento guardaci le spalle, noi le abbiamo diritte, voi….”aggobbite”!
    Un saluto particolare va a tutti coloro che per anni, da quando abbiamo ricominciato dalla serie C, c’ann rutt ‘e scatol’ con questo genoa. Guarda il Genoa, che bel gioco. Guarda il Genoa, che bel presidente. Guarda il GEnoa, quella si che è una società seria. a voi ora dico: guardate il Genoa, lo stesso Genoa che solo per una stagione su cinque si è piazzato davanti a noi, è venuto a Napoli a giocare in dieci in area di rigore….chistu Genoa.
    Comunque, soprassediamo, a Napoli i mister proprio non mancano.
    DE SANCTIS: Che dire, mai impegnato, come spesso capita. Non posso esprimermi, se non lodarlo per la sicurezza che ha dato anche ai compagni di reparto. S.V.
    CAMPAGNARO: classe e grinta al servizio della squadra e della platea. non molla mai, mi fa ascì pazz con i dribbling e gli anticipi. VOTO 7: LEONE
    GRAVA: si sprecano i complimenti. oramai è una pedina fissa, se solo avesse i colori bianconeri addosso veramente potrebbe aspirare al posto da titolare in sudafrica. VOTO 7,5: NAPOLETANO
    CANNAVARO: il migliore in campo. annulla suazo, gioca sempre di anticipo. ancora non mi sento di chiedergli scusa per gli epiteti delle scorse settimane. solo la traversa gli impedisce di emulare uno dei miei tiri. Se fosse entrato….VOTO 8: CAPITANO
    MAGGIO: sembra abbastanza in palla, corre anche se non incide. lascia posto al nirone per un attacco influenzale. VOTO 6: ININFLUENTE
    ARONICA: meglio da esterno che da terzo di difesa. quando viene spostato dietro fa emeergere ancora di più la grandezza di grava. a sinistra meglio dossena, dietro meglio grava. VOTO 6: RINCALZO
    GARGANO: corre come al solito come un dannato, stavolta non a vuoto. è una scheggia impazzita nella battaglia di centrocampo. lo schiavo con la giacchetta nera lo ferma perchè, al Napoli, non si può concedere il vantaggio….VOTO 7: RITROVATO
    CIGARINI: stavolta non si limita al solito compitino, ma osa di più. suo un bellissimo lancio all’inizio per maggio, fermato solo alla fine da criscito. VOTO 6,5,: IN CRESCITA
    HAMSIK: ci prova, in questa partita si vede più che nelle ultime. peccato per quel tiro di poco fuori. in ogni modo, non si può fare a meno di lui. VOTO 6,5: RINFRANCANTE
    QUAGLIARELLA: non me scucciat: io non critico il suo attaccamento alla maglia, ma troppo spesso si lascia andare ad atteggiamenti che evidenziano le sue origini…non incide mai. speso difende con i denti, ma non è quello il suo compito. IL suo compito è quello di non far finire le partite 0-0, nonostante gli arbitri! VOTO 5: INUTILE
    DENIS: si sbatte, lotta, suda, alla fine è esausto. Quando si trova davanti al portiere, però, la deve buttare dentro. è pagato per questo. Se il 50% delle occasioni le avesse sfruttate meglio, a quest’ora a MNorganti non fischierebbero le orecchie. VOTO 6 PER IL SUDORE
    DOSSENA: si vede che gioca nel suo ruolo. lo aspetto, convinto che esploderà a breve. VOTO 6 DI FIDUCIA!

    scusatemi se non esprimo voti sul servo. i segnali non sono confortanti….ma, come diceva Luciano Moggi (ops, mi è scappato, non è che ci sono bambini in giro?), noi non parliamo degli arbitri…ma neanche parliamo CON gli arbitri!

    p.s.: il silenzio dei nemici…..

Leave a Reply

Archivi