Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.salviamopeterpan.com/htdocs/wp-content/plugins/paged-comments/paged-comments.php on line 31
Napoli – Milan 3-1 | Salviamo Peter Pan

Napoli – Milan 3-1

Posted by lapo2001 on set 19th, 2011

gli allegri

III Giornata
Napoli – Milan 3-1 (l’alieno 3; Aquilani)

Diciamolo subito, non vogliamo esaltarci, ma qui siamo tutti più Allegri. Le tre sberle dell’immenso Matador hanno trasformato l’attesissima super sfida col Milan in uno spassoso spettacolo che probabilmente nemmeno trentadue denti in bella mostra sarebbero riusciti ad esprimere. La contentezza e la felicità che ieri noi tifosi abbiamo vissuto nel tanto temuto esordio stagionale al San Paolo perdura anche ora, in questa notte insonne ed ancora adrenalinica.
Sì, siamo Allegri per una serie infinita di motivi. Prima di tutto perché il Napoli è riuscito finalmente a vincere strapazzando l’incerottato Diavolo, che già di per sé fa godere, confermando che le mirabilie inglesi di qualche giorno fa non sono nate dalla casualità. L’inizio è stato difficile, come tutte le volte che abbiamo incontrato formazioni blasonate e in particolare il Milan, ma, in questo caso, non ci siamo lasciati sgonfiare per poi morire, come è accaduto nel recente passato. La squadra ha infatti immediatamente reagito al bel gol di Aquilani e poi, con pazienza e forza, ha lasciato il possesso della palla agli avversari, attendendo il momento giusto per colpire con fiammate improvvise, sino a ribaltare il risultato e vincere o stravincere tra gli olè del pubblico ormai in festa almeno mezz’ora prima del fischio finale. Ma siamo Allegri anche perché questa squadra si sta comportando sempre più da “squadra”, mostrando grande solidità e spirito di sacrificio. Vedere i tre tenori, e soprattutto l’alieno, tornare ad aiutare i compagni in difficoltà, mentre i Pato e i Cassano passeggiavano nervosamente e distratti sulle linee laterali, senza desiderio né fame, credo sia molto indicativo su quelle che sono le motivazioni e la voglia di arrivare. E poi dobbiamo essere Allegri per forza se nella nostra formazione gioca un certo Inler. E’ sempre più chiaro che il contributo dello svizzero sia il vero valore aggiunto di questa stagione. Dei piedi felpati, l’equilibrio, la fisicità, l’ordine e della costruzione della manovra beneficiano tutti e in particolare il tanto criticato Gargano, autore di un’altra prestazione superlativa dopo quella di Manchester. Il piccolo uruguaiano infatti può finalmente giocare in quello che è il suo ruolo naturale, senza dover preoccuparsi di creare o inventare soluzioni non alla sua portata(anche se si è esibito in inusuali e precisi cambi di gioco), ma solo correre e contrastare, contrastare e correre. E in questo, secondo me, Walter non è inferiore a nessuno. Ma Allegri siamo anche per le chiusure del sorprendente Aronica, per i soliti miracoli di De Sanctis, per la grinta del ristabilito Campagnaro, per l’incontenibilità di Maggio e soprattutto(lo dirò sino alla noia) per le riserve ben più affidabili, oltre che per la presenza sulla nostra panchina del miglior tecnico italiano(lo dirò sino alla nausea). E sempre Allegri siamo anche per una questione prettamente di numeri. Dopo due giornate di campionato siamo in testa alla classifica a sei punti, con Milan, Inter, Roma e Lazio a meno cinque, il miglior attacco (6 gol) e l’alieno(che, a detta di molti, non sarà in grado di ripetere l’exploit dello scorso anno) già in testa alla classifica capocannonieri con le tre gemme di ieri sera. E infine siamo Allegri per i nostri avversari. Per Galliani che tanto s’è vantato di aver fermato Messi, dimenticando la regola del 3 del Matador; per il nervosismo di Nesta che preso dallo sconforto s’è messo a fare il Boateng; per il dito di Aquilani che gira e rigira da qualche parte sarà finito; per la faccia sconsolata di Abbiati e per quella che non ho visto, ma di certo mesta di Gattuso; per le azzeccate previsioni del simpatico professor Sacchi; e soprattutto per lui. Cosa darei per intervistare il mister rossonero. Ecco, per tutti questi motivi noi da ieri siamo molto più Allegri…hihi.
Non esaltiamoci…ma come si fa?

Forza Napoli Sempre

La 10 non si tocca.

Share and Enjoy:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace

One Response to “Napoli – Milan 3-1”

  1. 1
    dgiuffre Says:

    L’implacabile!!! Già alla fine del campionato scorso ho sentito frasi del tipo: “…si ma a Cavani gli va tutto bene, mica può essere sempre così fortunato…” e a fine mercato invece:”…il Napoli si è rinforzato ma è difficile che Cavani si ripeta…”
    Non voglio ora già sentenziare sull’esito di un ancora lungo lunghissimo campionato ma io ieri sera ho visto un… insomma ho visto uno, non so come definirlo, che ha segnato tre gol con una facilità estrema. Va bene direte voi ci sono tanti che hanno nel sangue il gol e riescono sempre e comunque a buttarla dentro campionato dopo campionato si potrebbe fare un elenco infinito. Va bene vi rispondo io, di questo elenco infinito trovatemi uno che corre quanto lui, recupera palloni quanto lui, pressa quanto lui per 90 minuti, che al novantesimo da una mano ai compagni della difesa…
    Per il resto Lapo la tua disamina è perfetta Inler fondamentale, Gargano insostituibile, Maggio impressionante, tutti bravi anche quelli entrati nel finale!

    ForzaNapoliSempre

Leave a Reply

Archivi