Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.salviamopeterpan.com/htdocs/wp-content/plugins/paged-comments/paged-comments.php on line 31
Napoli – Roma 2-2 | Salviamo Peter Pan

Napoli – Roma 2-2

Posted by lapo2001 on mar 1st, 2010

XVI Giornata
Napoli – Roma 2-2 (Denis, Hamsik su rig; J.Baptista su rig., Vucinic)

Ennesima domenica tarocca.

Stiamo qui a commentare la solita partita in cui determinante è stato l’operato dell’arbitro di turno: stavolta è toccato a Rizzoli. A parte la conduzione ormai usuale che può definirsi in ogni modo eccetto “casalinga”, sullo 0-1, Juan già ammonito, affonda in piena area di rigore Quagliarella. L’arbitro invece di concedere un sacrosanto penalty ed espellere il difensore giallorosso ha assurdamente ripercorso lo stesso procedimento adottato con Maggio ad Udine: giallo per simulazione. Va bene che il nostro buon Fabio, non si chiama Alex e dal trampolino non ha la stessa classe, ma mi chiedo, com’è possibile che il guardalinee(a 10 metri!)non abbia visto quell’intervento alla Policano? O forse non è stata concessa la massima punizione perchè il fallo è avvenuto dentro l’area?!
Chissà come sarebbe andata? Di sicuro avremmo meritato di vincere anche questa gara, nonostante il doppio svantaggio.

La Roma come ogni anno ci ha fatto intossicare. Ben messa in campo(nonostante Ranieri) si è arroccata in difesa lasciando pochissimi spazi ai nostri. E quelle rare volte in cui siamo riusciti a liberarci, sono venute fuori le solite lacune realizzative(clamorosa l’occasione sul finire di Maggio). C’è anche da dire, che la squadra nei primi 45 minuti, sembrava affetta da “garganite”: passaggi elementari sbagliati a ripetizione. Nella seconda frazione, i capitolini si sono portati in vantaggio subito con Julio Baptista che in un metro stordisce Campagnaro che lo atterra ingenuamente in area. Rigore realizzato dallo stesso brasiliano. Poi, l’episodio di cui sopra e immediatamente dopo la mazzata firmata Vucinic. Gran gol del montenegrino che dal lato sinistro ha stoppato e con un preciso diagonale ha aggirato Campagnaro e ha messo la palla nell’angolo lontano. Da questo momento in poi, con l’ingresso di Denis, Cigarini e Camillone Zuniga, è iniziata la danza. Pressione continua, mischie furibonde, palloni usciti di un soffio, occasioni e azioni a ripetizione. Prima Denis, con un bel diagonale e poi con Hamsik su rigore(fallo di mani di Mexes) si è ritornati in parità. Se la partita fosse durata altri 5 minuti, credo che il sorriso odioso di Ranieri non l’avremmo visto. Peccato.

Si dirà, che tra le fila della Roma, mancavano molti titolari ed è sicuramente vero. Però c’è da dire che anche noi avevamo importanti assenze: Grava, ‘o Cucù e the Ass.
I primi due per infortunio, del terzo invece, sono scomparse le tracce. C’è chi dice di averlo avvistato nel traffico sulla tangenziale nelle ore serali, (forse perchè era convinto che ci fosse il posticipo), altri invece, giurano che sia ancora tra i ghiacciai del Polo Nord…

No, Anna, Totti non c’era.
Catapo, mi sa che dobbiamo inventarci qualche altro stratagemma per il ciuco infettato. Disinfestalo, derattizzalo, purificalo, oppure infilagli uno spillo in una natica.
Dgiuffre, sto seriamente pensando che quella trasmissione debba essere soppressa.

Forza Napoli Sempre

Share and Enjoy:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace

3 Responses to “Napoli – Roma 2-2”

  1. 1
    dgiuffre Says:

    …oscurate Number Two…
    Ormai sono anni che l’inizio di questa trasmissione coincide inesorabilmente con il periodo di flessione del Napoli. Non penso possa essere semplice casualità che i famigerati “sapientoni” debbano aspettare 5-6 partite prima di commentare una vittoria degli azzurri. Ore ed ore di ridicoli dibattiti per individuare ed ingigantire le lacune dell’organico e gli errori tecnico-tattici, teorie su teorie puntualmente smentite a distanza di una settimana. Lunedì scorso dopo l’ennesimo 0-0, è stato troppo facile scovare il “capro espiatorio”: Denis non è un nazionale, non è napoletano, non è un baby prodigio, non è l’idolo dei tifosi… e purtroppo non è un bomber dal gol facile!?
    Questa settimana non si può non attaccare, a mio avviso, l’investimento più sbagliato (tralasciando Hoffer) dell’ultima campagna acquisti. Indiscutibile è il valore del calciatore, ma Quagliarella non era il giocatore che serviva a questo Napoli per fare il salto di qualità e, meglio ancora, non era il giocatore da affiancare a Lavezzi. Nel calcio le statistiche contano e il curriculum dei due ci porta a prevedere una percentuale realizzativa troppo bassa per centrare obiettivi importanti.
    Ancora una volta abbiamo dimostrato di potercela giocare contro tutti e anche ieri si poteva vincere. Spero che questo 2-2, per molti aspetti simile a quello contro il Milan, possa essere di buon auspicio visto che da quella incredibile rimonta è nata l’anima del Napoli “Mazzarriano” che ci ha regalato un lungo periodo di grandi soddisfazioni.

    ForzaNapoliSempre!

  2. 2
    catapo Says:

    bè, alla fine il ciuccio è sempre imbattuto. l’unica sconfitta, da quando è iniziato il rito propiziatorio, è stata ad udine quando l’ho dimentica spento in macchina!
    la partita non è stata un granchè, ai punti avremmo meritato la vittoria, ma non abbiamo dominato come contro l’inter, nè abbiamo giocato bene come in altre occasioni. alla fine, se giocando maluccio riusciamo a prendere un punto alla seconda in classifica, meglio vedere il bicchiere mezzo pieno. Sull’arbitro forse è meglio non dire niente, oramai. Anche perchè poi veniamo additati come piangioni (da chi, poi)……il rigore per noi, in tutta obiettività, non c’era. ma l’errore su guallarella è più che grave.
    PAgelle:
    DE SANCTIS: sui gol non può nulla. neutralizza un tiro di vucinic come lui sa fare. VOTO 6,5
    CAMPAGNARO: la presenza di guallarella in campo riesce a non fargli avere la palma di peggiore in campo. Il rigore su baptista poteva essere evitato, sull’eurogol di vucinic è assolutamente fermo. Pare stesse male già dall’inizio della partita, ma perchè allora non è uscito? VOTO 4,5
    CANNAVARO: maestoso in ogni intervento. in anticipo, in contrasto, al cross. Insomma, pareva il fratello di qualche anno fa. VOTO 7: BALUARDO
    ARONICA: dalle sue parti non si passa dal centrocampo in su, ma non si gioca dal centrocampo in giù. non riesce mai ad attaccare, tant’è che la squadra converge sempre a destra. niente da dire, però, a totò che si fa sempre valere. VOTO 6,5
    RINAUDO: suo l’assist per il gol di denis. per il resto prestazione buona, ma Grava lo rimpiangiamo comunque. VOTO 6,5
    GARGANO: sbaglia tanto anche oggi, ma dimostra che il centrocampo del napoli non può prescindere da lui. l?unico che riesce a dare velicità alla manovra del napoli, ma anche alle ripartenze degli avversari! VOTO 6,5
    HAMSIK: niente da fare, tutto come le altre partite. é abulico, un corpo estraneo. forse oggi un pò meno delle ultime apparizioni. VOTO 5
    MAGGIO: corre, si danna, macina chilometri. Si mangia il solito golletto (questa volta, però, c’è da dire che non era semplice segnare). VOTO 7
    PAZIENZA: buona prova. di fronte aveva un certo de rossi, ed un certo perrotta….tirate voi le somme. VOTO 6,5
    LAVEZZI: ancora non è lui. no nriesce mai a saltare l’uomo. si fa notare solo per dei cross veramente ben fatti dalla fascia destra. ma vogliamo di più. VOTO 5
    DENIS: entra e l’attacco comincia a fare qualcosa. solo qualche centimetro gli nega la gioia della doppietta. Alla fine salva lui la patria VOTO 7
    GUALLARELLA: ancora una volta il peggiore in campo. e non iniziate a dire che il fallo da rigore c’era, che non andava ammonito, ecc ecc. Da uno che viene pagato 16 milioni non ci si può aspettare solo un’azione pericolosa in area. Ora posso dirlo: mi ricorda Nicola Caccia. e ancora non capisco come faccia Lippi a convocarlo: non è neanche juventino! VOTO 3
    ZUNIGA: fa benissimo il quarto d’ora in cui gioca, nonostante a sinistra mostri evidenti lacune. VOTO 6,5

  3. 3
    geppetto45 Says:

    Preferisco non analizzare e scrivere a caldo,perchè
    non saprei quali spropositi mi uscirebbero…….
    Sembra rivivere una storia già letta e riletta fino alla nausea, giocano più o meno al di sopra della media collettivamente,ma singolarmente sono dolori e ,come al solito, catapo hai ragione in todo;non possiamo nemmeno dare la colpa al caldo o al freddo – alle donne o all’alcool – ma è sicuro che la dobbiamo dare agli Arbitri?
    salvo a qualche grande Mer…… che veramente ci ha danneggiato,per il resto mi sembra che non ci sia tanto da appellarci–Ragazzi non lo sò,mi sento confuso non riesco a capir cosa non quadra TIFO per Il NAPOLI, amo questa SQUARDA e vorrei veramente di cuore che le cose si raddrizzassero sempre tenendo presente che tre anni fà piangevamo in un’altro girone dantesco….
    Cnq. sempre FORZA NAPOLI!!!!!!!!!

Leave a Reply

Archivi