Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.salviamopeterpan.com/htdocs/wp-content/plugins/paged-comments/paged-comments.php on line 31
Napoli – Steaua Bucarest 1-0 | Salviamo Peter Pan

Napoli – Steaua Bucarest 1-0

Posted by lapo2001 on dic 16th, 2010

Uploaded with ImageShack.us

Sesta Giornata (EL)
Napoli – Steaua Bucarest 1-0 (Cavani)

Dopo aver sfatato vari tabù in campionato, riuscendo a vincere contro squadre che non regalavano punti da dieci o da vent’anni, le cosiddette bestie nere, il Napoli europeo ieri sera ha confermato per l’ennesima volta che le partite non finiscono mai. Contro la cabala e contro tutti gli studi statistici, ancora una volta il gol risolutore è giunto oltre il novantesimo. E’un anno e mezzo che si verifica e in questa stagione sta diventando routine. Non me ne voglia Renato Cesarini oriundo argentino, diventato famoso negli anni trenta per le realizzazioni all’ultimo secondo, ma ormai, dopo ottant’anni, qui parliamo di un dato certificato, inconfutabile. D’ora in poi, in ogni luogo del mondo, quando le cose non solo calcistiche accadranno in extremis, per il rotto della cuffia, si dovrà parlare non più di Zona Cesarini, ma di Zona Napoli o Zona Mazzarri. A mia memoria, ricordo un Napoli simile per questa caratteristica, nella stagione 96-97, quando sedeva in panchina Gigi Simoni. Capitava spesso di ottenere il gol vincente negli ultimi secondi di gioco, ma mai con questa continuità, mai con questa voglia e questa determinazione.
Oramai, quello della zona Napoli lo definirei un marchio di fabbrica. Ieri, con grande sorpresa, ho potuto constatare che tutti i tifosi abbiano capito che questa squadra va seguita sino al triplice fischio finale(e anche oltre). Per la prima volta non si è verificata la solita processione a dieci minuti dalla fine, di chi ha fretta di tornare a casa al calduccio. Per la prima volta tutti hanno seguito il balzo elegante di quel ginnasta uruguayano dalla folta chioma che avrà fatto invidia anche alla Comaneci. Che goduria.
Anche i rumeni avevano imparato che il San Paolo prima di essere uno stadio è un teatro in cui si possono rappresentare sceneggiate, quando la tecnica, la tattica e il gioco non bastano. Deprimenti i mezzucci che gli uomini di Lacatus hanno adoperato per ostacolare la nostra corsa: finti infortuni, barelle inutili, scarpe slacciate, perdite di tempo, liti create ad arte ecc ecc. Ma come a Bucarest, anche qui a Fuorigrotta, il tempo perso durante la gara è stato un boomerang che gli si è rivoltato contro. Lo sa Delio Rossi, lo sa Bisoli, lo sa Di Carlo, lo sa Ficcadenti, lo sa qualche altro allenatore che ci ha dovuto fare i conti l’anno scorso e lo sa da ieri(ma già era stato informato all’andata)Lacatus. D’ora in poi, è bene, che gli avversari non perdano troppo tempo perché i minuti di recupero potrebbero essere letali. E non dite che non vi avevamo avvertito.

Il Napoli conquista con merito e sofferenza il primo obiettivo stagionale e sarà l’unica formazione a rappresentare l’Italia nei sedicesimi di finale di Europa League per niente snobbata. E’ motivo di gioia e di orgoglio. A questo punto non mi azzarderei a fare pronostici o porre obiettivi, perché è dimostrato, questa squadra può tutto e può quando meno te lo aspetti, o meglio quando più te lo aspetti, alla fine, in Zona Napoli.

Avviso: stasera in uno noto ristorante della mia zona, il proprietario(tifosissimo del Napoli)ha acquistato su Canale 31 il tanto atteso evento Juve-Manchester City. Si beve, si mangia e si festeggia. Da non perdere.

Forza Napoli Sempre

Share and Enjoy:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace

10 Responses to “Napoli – Steaua Bucarest 1-0”

  1. 1
    dgiuffre Says:

    Dall’anno prossimo per assistere alle partite del Napoli sarà obbligatoria, oltre alla tessera del tifoso, anche la tessera sanitaria accompagnata da certificato di sana e robusta costituzione che quantomeno attesti di non essere in presenza di soggetto affetto da cattivo funzionamento dell’apparato cardiovascolare. Anche ieri le coronarie di molti sono state messe a dura prova, battito accellerato e cercolazione alle stelle: poco raccomandato ai deboli di cuore!
    Siamo sempre lì alla fila 33 della Nisida sotto il sole, la pioggia o la neve, appena si può si va in trasferta macinando chilometri in auto, in nave, in aereo e dopo Genoa e Steaua aspettiamo impazienti anche il Lecce: ho il vago presentimento di essere malato.

    Premetto che quando si vince hai sempre ragione ma ieri il Mister doveva osare un po prima. Dopo aver visto il loro 4-5-1 bisognava correggere subito l’assetto o quantomeno sostituire Zuniga con qualcuno dalle caratteristiche più offensive. Nonostante tutto ancora una volta abbiamo dato dimostrazione di essere una squadra con un cuore enorme.

    ForzaNapoliSempre

  2. 2
    dgiuffre Says:

    Napoli-Lecce: DeSanctis SantacroceCribariGrava MaggioGarganoYebdaDeossena SosaCavaniHamsik

  3. 3
    GEPPETTO45 Says:

    Caro dgiuffre,
    dopo l peste nera,la febbre gialla, il colera viola, è nata la nuova malattia ” l’attacco di stomaco celeste ”
    di stomaco poichè non ti nascondo che ogni volta che vedo la partita, mi sento un formicolio allo stomaco che non sò descrivere, e ogni volta , alla fine, devo ricorrere al malox,vuoi vedere che quella rabbia interna che mi assaliva ogni volta che sentivo le telecronache o letto articoli in cui se ne dicevano di cotte e di crude contro il NAPOLI telecronache e articoli che ti facevano vergognare che NAPOLI fosse in Campania e che la Campania fosse in Italia, sia la causa della mia malattia oppure è la speranza di rivedre tutta Napoli dipinta celeste, perfino i semafori come ai tempi non tanti lontani del 1° Scudetto ?
    ebbene voglio essere malato,voglio ancora sognare, voglio ancora sperare che ritorni il sole celeste a Napoli
    FORZA RAGAZZI FATELO PER CHI NON GUARIRA’ MAI DALLA FEBBRE CELESTE

  4. 4
    taca Says:

    …questa volta la formazione è facilissima…!!
    De Sanctis, Giuffrgrava, Cribaricatapano, TacaSantacroce, Maggio, Yebda, Gargano, Dossena, LapoSosa, Hamsik, Cavani.

  5. 5
    lapo2001 Says:

    Geppè, celeste? Sei stato ammonito. Alla prossima eresia ti beccherai il rosso e le giornate di squalifica si consumeranno nella tua cucina mentre mi preparerai una delle tue eccelse cene.

    Formazione contro il Lecce:
    DeSanctis Santacroce Cribari Grava Maggio Gargano Yebda Deossena Hamsik Sosa Cavani.

    Mi sono accodato alla vostra formazione, perchè la ritengo la più ovvia dietro e la più ragionevole avanti, però voglio fare una precisazione: Sosa non giocherà dall’inizio, ma mi rifiuto di mettere Zuniga nell’11 per principio (o principito).

  6. 6
    taca Says:

    allora io voglio fare un cambio, sempre e quando il catapo sia d’accordo….faccio uscire Lapososa ed entra Zunigolazo!!!

  7. 7
    lapo2001 Says:

    E Tonino Acribari lo lasci in formazione?

  8. 8
    catapo Says:

    concordo con la formazione messa in campo da Lapo. Purtroppo, gente come tacribari devono giocare per forza domani, anche se io lancerei un giovane della primavera. Occhio a Minaggio sulla destra!
    De Sacntis-gruffè-santaca-tacribari-minaggio-gargapo-geppetda-diegossena-catosa-catani. Allenatore: Minarri

  9. 9
    dgiuffre Says:

    Tehe winner is….. Super Catapo!!! Con questo ultimo post hai raggiunto l’apice della rubrica “al bar dello sport”. Non ho altre parole: superlativo Catador!!!

  10. 10
    catapo Says:

    Come giustamente mi ha fatto notare Lapaglietti, dimenticavo un giocatore nella rosa di oggi: Dietro le punte metterei HAsssik.

Leave a Reply

Archivi