Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.salviamopeterpan.com/htdocs/wp-content/plugins/paged-comments/paged-comments.php on line 31
Naufragio a Genova | Salviamo Peter Pan

Naufragio a Genova

Posted by lapo2001 on set 14th, 2009

Marassi

III Giornata
Genoa – Napoli 4-1 (Floccari su rig., Mesto, Crespo, Kahrja su rig.; Hamsik)

Si può naufragare così?
Sono preoccupato, molto preoccupato.

Va bene l’hanno visto tutti, è stato palese che l’uomo(?!) con la giacchetta gialla ha condizionato l’andamento e probabilmente il risultato della gara regalando un’espulsione e un rigore ai rossoblu, ma il punto non è questo.
Ogni domenica, su tutti i campi siamo di fronte ad orrori arbitrali e saremo a discutere per sempre del pessimo Tagliavento di turno, ma la domanda va oltre: si può naufragare così?

La ciurma azzurra non aveva nemmeno giocato male il primo tempo, approfittando anche dell’uomo in più(espulso Criscito), s’è portata anche in vantaggio con il solito inserimento di Hamsik, servito al bacio da Quaglia. Ha tenuto palla, ha gestito e ha corso pochi sporadici pericoli, in attesa di andare con il gol in più negli spogliatoi.
Ma nel recupero il fattaccio: rilancio di Amelia(il portiere!) che ha scavalcato tutto il centrocampo e la difesa(!!), Campagnaro vistosi sotto pressione dall’accorrente Sculli, ha invitato De Sanctis all’uscita, il quale invece ancora non aveva terminato il sonnellino del pomeriggio ed è rimasto impalato tra i pali. Sculli si è lanciato disperatamente sulla palla ed è rovinato in area dopo un regolarissimo spalla a spalla col nostro difensore… Espulsione di Campagnaro e rigore (Ancora non ci credo). Proteste inutili, Floccari ha realizzato dal dischetto e tutti negli spogliatoi.

Tutti rammaricati, anche il nostro vicino di posto assai corpulento che per tutta la partita è stato poco attento al calcio giocato perchè era troppo impegnato nel videoriprendere i suoi amici deliranti(ha fatto pausa solo nell’intervallo sostituendo il telefonino con un panino con la frittata), anche il Minao, il cui gemellaggio con i genoani l’ha preso proprio alla lettera(c’è mancato solo che invitasse a cena il sindaco o qualche viglie urbano genovese). Tutti rammaricati dicevo, eravamo convinti che ormai il tempo di scendere in campo fosse giunto per Lavezzi e Gargano incridibilmente in panchina. Tutti rammaricati ci siamo rassegnati. Solo dopo 20 minuti e il secondo gol di Mesto (tiro dal cortile di casa sua), i due sudamericani sono entrati… Peggio che andar di notte. Becchiamo altre due pappine (Crespo e Kahrja su rigore) e tutti a casa.

Praticamente dopo il pareggio di Floccari, il Napoli è scomparso. Un naufragio, una nave fantasma… Ma può essere?
Sono d’accordo che non si possono fare 750 km e 8 ore di viaggio(6 delle quali con Morfeo) in macchina, per poi vedere per un’abbondante ora, i tocchetti e i balletti di uno che ha sbagliato mestiere(Pià) e di un altro che dopo 3 minuti “sciattichiava” con la bava alla bocca(Pazienza); sono d’accordo che il Pocho e Gargano(che non ha azzeccato un passaggio n.d.r.) anche se con la sedia a rotelle devono essere sempre in campo; sono d’accordo anche sul fatto che la squadra è incompleta e manca di giocatori in ruoli fondamentali. Ma si può naufragare così? Senza nerbo, molli, senza un minimo di determinazione. Il Napoli del primo tempo è rimasto negli spogliatoi, per non uscirne più.

L’età media degli azzurri è bassissima e la forza di una squadra non sta solo nel piedi felpati di un giocoliere o nella velocità di una gazzella, sta soprattutto nella testa di un muratore o di un fabbro, che stia dentro o fuori dal campo (a prescindere dagli abbagli grossolani dell’arbitro)… Come l’anno scorso sto rivivendo scene già note.
C’è mancanza di personalità, la stessa che è mancata a Tagliavento.
Sono preoccupato, molto preoccupato.

Già è iniziato il totoallenatore: Spalletti, Mazzarri, Boskov, Van Gaal, Van Goof, Canè o Canà?
Per la cronaca: il Minao a Teano alle 4 del mattino ha alzato definitivamente bandiera bianca(l’invito a cena non l’ha accettato nemmeno il barista – tra l’altro juventino – dell’autogrill). Per la cronaca: il viaggio di ritorno ho dormito 7 ore su 8 e nell’ora in cui sono stato sveglio ho fatto sbagliare strada. Un naufragio completo.

Forza Napoli Sempre.

Share and Enjoy:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace

9 Responses to “Naufragio a Genova”

  1. 1
    catapo Says:

    La cronaca del tuo viaggio l’avrei potuta scrivere anche io….un film già visto…..purtroppo anche la cronaca della partita si sarebbe potuta scrivere prima … anche quello un film già visto….siamo senza PALLE, a partire dalla società (mai una lamentela forte, con il Palazzo), al mister (ma fà ca se purtass ‘a sfortuna appriess?), ai giocatori. E’ vero che sono giovani, ma questo non significa che non debbano avere le palle, il carattere. Anche balotelli è giovane….ad esempio….

  2. 2
    giancarlo Says:

    A scanso d’insulti non m’intrometto riguardo l’analisi della partita, ma non posso non replicare a catapo sulla considerazione di balotelli, non si può confondere la maleducazione e la mancanza di rispetto di compagni e avversari con l’avere gli attributi diciamo che ha un pò di personalità ma ne dovrà mangiare di forni di pane…

  3. 3
    geppetto45 Says:

    Beh ! Ciao a tutti e penzamm a’ salut’. Ma come si può giocare con la paura addosso ? Come si può sopportare la faccia da ebete del Pocho che sembra domandarsi MA CHI SI E’ PERMESSO DI TOGLIERMI LA PALLA ?( O LE PALLE a detta di CATAPO )Come si può sopportare la faccia di JETTATORE PATENTATO di Donadoni ?Da quando ha preso la panchina -anzi… o’ scannitiell’- del NAPOLI ,non lo vedi più sorridere,e fattell ‘ na’ sfacc….. e resat’,può darsi che incominci a renderti più simpatico….Finale gli spaghetti alla chitarra al prosciutto di cinghiale,(per chi non c’era la partita l’abbiamo vista a casa mia più femmine che maschi ) stanotte mi hanno fatto venire gli incubi del tifoso ovvero tiravo calci in porta al posto di Quagliarella( che tra sti sciem’ non impieghera’ molto ad annullarsi pure lui), e uno ha colpito geppetta che ha detto TE SI’ FATT’ VIECCH’ A PORTA NUN NA’CUOGLI’ CHIU’..abbamdonadosi ai ricordi di chissa’ quali tornei calcistici giovanili da Scudetto
    GUAGLIU’ o fatt’ e nir’e San GENNARO il 19 deve fare O’ MIRACOLO e speramm buon ca almen e scet nu poc’……….
    FORZA NAPOLI…SCETATEV PE’ FAVOR’NUN CE’ O’ MERETAMM’ A PARTIT’ A’ VULIMM’ VERE’PE’ CE’ DIVERTI’ NO PE’ CE’ NDUSSUCA’ -FORZA RAGAZZI FEDE AZZURRA SEMPRE( MA E’ MUSSULMAN’AVANZEN’)
    Gianca’ pienamente d’accordo con te su Balotelli

  4. 4
    catapo Says:

    Sarà maleducato, irriverente, antipatico, manca sicuramente di rispetto…..ma a lui le palle non mancano. nessun giocatore del napoli ha un quarto del carattere che ha lui (lui come tanti altri giovani)

  5. 5
    fran74 Says:

    beati voi…
    “rotta per casa di Dio” (883)una trasferta tra amici, nonostante un disastroso risultato ciò che ti rimane dopo una tirata di 24h continue, la convivenza gioiosa di tre cari amici pardon due, uno dormiva…o no?

  6. 6
    dgiuffre Says:

    IL DIARIO DI UNA TRASFERTA
    …LA POsso guidare anche io la macchina…

    Un intenso viaggio di circa 24 ore non può essere sintetizzato nella cronaca di un catastrofico evento durato poco più di 90 minuti. La partita in trasferta ha un fascino particolare dovuto anche all’organizzazione che si protrae per diversi giorni tra mille telefonate alla ricerca di biglietti e adesioni. Domenica mattina l’appuntamento è alle ore 9.00 sotto casa Minao; la turbolenta nottata di quest’ultimo non mi fa presagire niente di buono e già prevedo l’ennesima defezione. Arrivato con qualche minuto di anticipo ho la piacevole sorpresa di trovarlo già pronto affacciato al balcone. Dopo qualche minuto ci mettiamo in macchina e dopo le soste di rito, benzina e colazione, ci avviamo alla volta di Genova. Il Minao è al volante con il consueto “smanettamento” al sintonizzatore dell’autoradio, io al suo fianco rispondo alle innumerevoli telefonate degli amici che si sincerano delle condizioni del pilota e del suo navigatore.
    Il tempo è buono e tra una chiacchiera e un inciucio il viaggio procede alla meraviglia. Verso le 14.00 mentre riconosciamo l’ennesima macchina di inconfondibili tifosi napoletani sento una voce che dice: “ ma ci fermiamo per mangiare qualcosa?”
    Mi giro guardando il Minao e vedo che lui fa lo stesso con me; per qualche istante ci guardiamo con una espressione interrogativa. Capisco che quella voce proviene dal sediolino posteriore e dopo un istante mi giro e scorgo il viso del Lapo che ancora con gli occhi chiusi ripete: “ma ci fermiamo per mangiare qualcosa?” Tra lo stupore e la contentezza di vederlo li mi torna alla mente una frase che aveva pronunciato la sera prima quando aveva deciso di rincasare prima di noi…. così la posso guidare anche io la macchina.
    Sull’ennesimo Autogrill infestato dagli ultras ci rifocilliamo e dopo qualche minuto ci rimettiamo in cammino: Minao si mette volante, io mi accomodo al suo fianco e Lapo… già russa.
    Dopo aver macinato 740 km mettiamo finalmente piede in terra genovese: io e il Minao provati dall’interminabile viaggio e dai postumi del sabato sera, Lapo ancora con gli occhi gonfi dalle circa 7 ½ ore di sonno profondo.
    Il pre-partita si svolge nei pressi del club Napoli e dello stadio Ferraris in uno splendido clima di festa grazie allo storico gemellaggio tra le due tifoserie.
    La cronaca della partita già la conoscete…
    Alle 23.30 il Minao fa una premessa prima di affrontare la lunga notte: uno guida, un altro veglia e l’altro dorme e si riposa. Bhè pensate sia il caso di raccontarvi come è andata? Io e il Minao ci siamo alternati alla guida e alla veglia, Lapo ha avuto la costanza di dormire per altre 8 ore filate. Si è svegliato a punta “Scutari” con la magnifica cartolina della penisola sorrentina illuminata dalle prime luci dell’alba….

    * questo è un saluto personale ad una persona conosciuta Sabato sera. “Sono rimasto piacevolemte sorpreso dal modo e dai complimenti che mi hai fatto. So che leggi e apprezzi i post di questo sito che ha, attraverso i racconti di Lapo, il fine di suscitare in noi il desiderio di interpretarli e esternare le nostre, tante volte, nascoste emozioni.
    Alla prossima…

  7. 7
    catapo Says:

    Ma voi veramente siete convinti che il fatto che abbia dormito per tutto il tempo? L’alternativa probabilmente non vi avrebbe permesso di vedere la partita. e poi….non voglio essere monotono..ma è un deja vù!

  8. 8
    lapo2001 Says:

    Amici cari, simpatici, gentili, cordiali e cafardi,
    vi racconto brevemente la santa verità:
    Ho dormito esclusivamente per voi, per tenere la mente riposata prevedendo che per fare i conti delle spese di viaggio ci volevano un calcolatore elettronico, uno studio di funzioni logaritmiche a 6 variabili, un’accurata lettura della teoria della Gestalt e un accompagnatore sociale, per cui ho pensato bene di riposare. Voi, stanchi e strutti dopo 2 giorni ancora non siete stati capaci di ricordare quanto è costato il caffè di Maradona al Club di Genova o l’ottima rustichella nell’autogrill nei pressi di Parma…salvo l’uso di excel.

    Catapiove, Balotelli ti piace solo perchè è un bulletto.

    Geppè, San Gennaro mi ha confidato in sogno che se mi inviti a mangiare gli spaghetti alla chitarra, fa ‘o miracolo: t’fà n’ata vota accogliere ‘a porta…

  9. 9
    http://deploy.champ4mt.com Says:

    http://boiler.harlingencoc.comhttp://boiler.harlingencoc.com

Leave a Reply

Archivi