Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.salviamopeterpan.com/htdocs/wp-content/plugins/paged-comments/paged-comments.php on line 31
LA POesia | Salviamo Peter Pan

Solo

Posted by lapo2001 on feb 4th, 2011

Guardiamoci

Solo come l’attesa alla metro.
Solo come questo silenzio.
Solo come occhi fissi verso l’orizzonte.
Solo come una chiave in tasca.
Solo come una bugia.
Solo come questo giorno.
Solo come il ticchettio del pendolo.
Solo come il pensiero di mia madre.
Solo come una radio ad alto volume.
Solo come lo scontrino nella busta.
Solo come questa rabbia.
Solo in mezzo alla folla.
Solo come quel bacio.
Solo come il piatto a tavola stasera.
Solo come un viaggio a piedi.
Solo come l’indifferenza.
Solo come una valigia pronta per volare.
Solo come il mio disprezzo.
Solo come questa candela.
Solo come la speranza.
Solo come l’ultimo minuto appensa trascorso.
Solo come un poster.
Solo in mezzo alle urla.
Solo come i titoli di coda.
Solo come il tuono.
Solo come in questo letto.
Solo come la finta libertà.
Solo come un gatto.
Solo come questa notte.
Solo come sono vicino a te.
Solo come quando mi guardi.
Solo come ora.

Ma che senso ha?

‘A vocca toja

Posted by lapo2001 on mag 26th, 2010

Ripropongo questa poesia riveduta e corretta dal maestro linguista Raffaele Bracale che ringrazio infinitamente:

‘A VOCCA TOJA

Cammenanno, cammenanno…

No, nun è ‘o ppoco ‘e sole ca sta trasenno,
nun è ‘o ccantà arrecriato d’’e cardille…;
nun è ll’acqua ca s’ammesca cu ‘o viento
e nnemmanco ‘a museca d’ ‘a campana;
nun ce azzecca ‘o ricordo appicciato
‘e chillu sbrennente scarpinetto
o ‘e penziere d’’a libbertà;
gnernò, no, chesta tene cchiú cculore,
ch’ è cchiú cauro e sta cchiú ‘ncoppa,

sta ‘mmiezo a cchillu Paraviso.
Chillo Paraviso:
ddoje stelle chiene ‘e ducezza,
ll’ avvampore d’ ‘a pelle
e l’addore d’’e sciure
‘nfilate dint’ê zirule
ca lle tenono cumpagnia,
e‘a fanno ‘a connola d’ ‘a bellezza.
Ma i’ nun accapezzo:
‘a ddo’ è asciuto ‘stu panaro?
‘e qua’ manera te fa jí all’atu munno,
‘int’â ‘rraggia o ‘int’ô cunzuolo,
‘miez’ ê pporte ‘e casadiavulo
o d’’o Pataterno?O pure ‘ncopp’â luna?
Chella è accussí piccirella, accussí ttoma,

nun s’ è ‘mparata a s’acquattà,
nun ‘o sape ca sulo se lle vene ‘ncapa ‘e parlà,
allumma ‘na trunata,
e ppo, nun ‘o ssape ca si se spassa
o se mette a vasà,
tanno addeventa ‘nu panteco, ‘nu patemiento,
pecchè i’ ‘a cunosco,
i’’o ssaccio ca chella priezza
m’attocca sulo dint’ô suonno, ‘e notte.
Aggi’ ‘a tené mente, aggi’ ‘a sapé,
e pe cchesto ca â penzo
e nun ‘ntenno s’è ‘na bbona refosa;
si sento cca vvicino
chell’addore d’e percoche
ca supera tutti ll’ati prufume!
Nun songo chiú ll’aspierto,

‘o professore ca raggiona,
‘o petrusiniello ca vo’ addimannà e vvo’ sapé…;
addevento l’urdemo sciascillo,
‘o cafariello ‘ncafurchiato ‘e chillu schianto,
‘o peggio d’’e tuccate…
Sultanto pe ‘nu vaso!
Forze è ppe cchesto ca mme vene d’alluccà,
‘e annasconnere ‘a verità
dint’â neglia d’ ‘e penziere,
e cu ‘a fantasia, ‘a vaco ascianno,
‘a veco, ‘a sento, ‘a maneo, sta cca,
sta ‘mmiezo a ‘stu mare ‘e chiacchiere superchie…,
me sta aspettanno dint’ ê buscie faveze

‘e tanti e ttanti vase ca friccichejano
‘ncopp’a sta brutta faccia d’ ‘a mia!
No, nun è ll’onna ca chiagne
o ‘e ccerase nere e ssapurite
nun è l’alleria ca cummoglia ‘e stierne ‘e dimane
e nemmanco ll’uosemo d’ ‘a terra…,
nun ce trase ‘o juoco streuzo d’’a furtuna cecata
o ‘o gulio preputente d’a staggiona,
gnernò, no, chesta cca, tène cchiú culore,
ch’ è cchiú cauro!

È ‘a vocca toja, ‘o chiuovo mio,
e sta lla ‘ncoppa, miez ‘a chillu Paraviso…

cammenanno, cammenanno…

‘a vocca toja

Posted by lapo2001 on nov 6th, 2009

Mi accosto alla tua bocca solo per capire dove sia il mistero.

Cammenanno, cammenanno…

No, nun è ‘o poco ‘e sole ca sta trasenno o ‘e canti arrecriati d’e cardilli,
nun è ‘a chioppeta ca s’ammesca cu’ viento e manco ‘a museca d’a campana,
nun c’azzecca l’allicuordo appicciato ‘e chella sbrannente scarpinetta o ‘e penzieri d’a libertà,
no, no, chesta ca, tene chiù colore, chiù cauro, sta chiù ‘ncoppa, sta miezo a chillo paraviso.

Chillo paraviso. Doje stelle chiene ‘e ducezza, ‘o vampore d’a pelle
e l’addore d’e sciuri int’e ziruli ‘a fanno cumpagnia, ‘a fanno ‘a connula d’a bellezza.
Ma je nun accapezzo ‘o panaro addò è asciuto e ‘a manera ca fa ì all’autro munno,
int’a arraggia o int’o conzuolo, miez ‘e porte d’a casa d’o diavulo o d’o pat’eterno? o ‘ncopp’a luna?

Chella è accussì piccirella, accussì toma, nun s’mpara a s’acquattà,
nun ‘o sape ca sulo se c’vene ‘n capa ‘e dicere, alluce ‘na trunata,
e po, nun ‘o sape ca se s’spassa o s’mette a vasà, tanno arreventa nu panteco, nu patemiento,
pecchè j’acconosco, j’o saccio ca chella priezza m’attocca sulo int’o suonno, ‘a notte.

Aggio tenè mente, aggio assapè, è pecchesto ca ‘a penzo e nun ‘ntenno s’è ‘na bona refosa;
se sento c’abbecino chell’addore d’e percoche ca superchia tutti ‘e sciusci
nun songo chiù l’aspierto, ‘o professore d’a ragione, ‘o petrusiniello ca vò addumannà,
arrevento l’urdemo sciascillo, ‘o cafariello ‘ncafurchiato ‘e chillo spanto, ‘o peggio d’e tuccati…pe’ nu vaso.

Forse pecchesto m’vene ‘e alluccà, ‘e stipà ‘a verità int’a neglia ‘e stu penziero,
e co’ genio, ‘a vado a ascià, ‘a vedo, ‘a sento, ‘a maneo, sta cà,
è in miezo a chisto mare ‘e chiacconi scapaci, m’sta aspettanno,
inta ‘a buscia asciurtata ‘e nu puzzo ‘e vasi ca friccicheano ‘ncopp’a sta brutta faccella.

No, nun è ll’onna ca chiagne o ‘e cerase nire e sapurite
nun è l’alleria ca cummiglia ‘e stierni ‘e dimane e manco l’uosemo d’a terra,
nun c’trase ‘o streuzo juoco d’a scalogna cecata o ‘o gulio d’a stasciona,
no, no, chesta ca, tene chiù calore, chiù cauro, è ‘a vocca toja, ‘o chiuovo mio, sta lla ‘ncoppa, miez ‘a chillo paraviso…

…cammenanno, cammenanno...

Chiedo scusa per gli errori ortografici, ma scrivere e pensare correttamente in dialetto per me è impresa ardua. C’ho provato.
Se qualcuno la ritenesse indecifrabile e fosse interessato alla traduzione, me lo faccia sapere.

Poesie d’amore

Posted by lapo2001 on dic 28th, 2008

Di Roberto Benigni.

LA METAMORFOSI

(Ieri)
Seduto, giornale, sigaretta, dita gialle e caffè,
mi perdo con Mozart, e in altra preghiera;
poi, vago per casa, m’affaccio, piove, la noia cos’è?
un altro giorno fotocopia ed un cuore in miseria.

Stracci di sensazioni, li trovo, di tanto in tv,
un sorriso di un istante, il buio, e niente più,
parlo col cane e finanche co’ i muri, per distrazione,
la notte, mi sveglio, sono un automa senza emozione.

Stanco, mi cerco, voglio solo risentirmi uomo,
non chiedo troppo, vero? una luce ed un suono,
arido, vuoto, grigio, silenzioso e spento;
la vita è questa? E’ solo un tormento?
Per giorni ho avuto solo risposta affermativa,
qualcosa entrava e il resto via, via usciva.

Poi, un dì, quieto, assorto, in una curva stretta,
trovo te, mi blocco, anche se vado di fretta.
E’un arcobaleno su un capo, che ruba lo sguardo,
m’incanto, passivo, è realta o è bugiardo?

Nel viavai di occhi bassi, m’accorgo d’improvviso,
un prurito nell’animo, strano, non fastidioso… è un meraviglioso viso;
un pizzicotto, una sveglia, un attimo eterno,
il velo è calato, e dov’è quell’inferno?

T’ho riveduta altre volte, ma mai così spesso,
il prurito è cresciuto, e non l’ammetto a me stesso.
Ti fisso in mente, devo capire, cosa me l’ha provocato,
ho guardato attento,curioso…ed ecco il risultato:

Sarà stato un movimento, un’espressione, un battito di ciglia,
o le mani, la morbida pelle, che adesso mi piglia?
Oppure l’odore, no, forse i lisci capelli d’oro, oh, come mi piaci!
o meglio, i tuoi occhi del mistero, il nasino o le sue narici?

Non mi capacito, ho anche ascoltato un tempo, la voce innocente,
ho osservato il collo, le spalle, bramando la mente;
Non lo so, è un nuovo calore, è un altro sapore,
t’ho ripensata di più…il prurito è divenuto calore!

Alla fine di tale ispezione lunga ed immensa,
ho compreso, evviva, cosa m’ha dato scintilla intensa:
ti fa parlare, ci mangi, sbadigli e il bacio fiocca,
non è scherzo, è il rosa lucido della dolcissima bocca.
Quanto sei bella!!!

Ora rido, della mia cecità… è inspiegabile,
davanti a me, a pochi metri, non t’ho mai vista…impossibile!
Adesso ti scorgo, ti spio, m’incanto e faccio finta di niente,
poi, ho rotto il silenzio:prurito, calore, ora è corrente!

Chissà se si può, se c’è poco da fare,
se c’è un minimo dentro, allora non frenare;
togli la maschera, libera, lasciati amare,
spegni la mente, quelle labbra voglio baciare!

Hai paura?o non c’è genio per me?
Stai serena,la vita ora è bella, e ti spiego perchè,
soave, anche solo l’idea, il resto non ha importanza,
m’hai ridato l’emozione ed è di nuovo speranza!

(Oggi)
Seduto, giornale, sigaretta, dita gialle e caffè,
mi ritrovo dentro Chopin, è una calma sinfonia,
poi, voglio uscire, fuori c’è il sole, ecco la vita cos’è,
è un altro giorno nuovo e il cuore in fantasia.

Candidamente esisto di sole sensazioni e ho spento la tv,
mi vien da ridere ogni momento, mi abbaglio e anche di più,
canto col cane, dipingo i muri, è una grande passione,
la notte sogno, torno un uomo e vivo in emozione.

Corro, mi basto, e non sono più alla finestra,
ho avuto troppo?Fuochi d’artificio e un’orchestra!
Pazzo, pieno, variopinto, logorroico, contento,
la vita è questa, ma quale tormento!

Di tutto ciò, da un pò ne son sicuro, non dico cosa gretta
ringrazio dio, il destino e quella curva stretta!!!
E se di notte è solo un sogno sbagliato, c’è sempre la sveglia,
col sole però, le tue labbra, son l’ottava meraviglia!!!!

Dedicati (video e poesia) a chi vorrebbe innamorarsi…a chi lo ammette e a chi non lo ammette…

a chi ha piedi e testa nel cemento…a chi lo ammette e a chi non lo ammette…

a Geber_el che mi fece conoscere questo video bellissimo…

…e a chi un tempo mi fece scrivere queste parole.

‘a parola

Posted by lapo2001 on nov 30th, 2008

Se l’incontrassi, per una volta ci crederesti?

Burraco

Posted by lapo2001 on ott 17th, 2008

Valeria

Mai finisce questo gioco,
sono sguardi e io, il tuo invoco,
languidi e festosi, il tuo è verde,
i miei marroni, ma non sono m….!

“Ma non dovevamo sposarci, giovedì?
e allora, che ci stiamo a fare qui?”
mentre questo svalvola, non c’è nulla da fare,
zio Enzo se la fa con un mulatto e con il suo affare.

“Sei distratta, eh sì, pensi alla mortadella?
ho capito lo sai, hai scartato la pinella!
Ma perchè non hai culo come i veri principianti?
hai bisogno di cura, di zeppelin o di rivolgerti ai santi?”

“E non guardarmi così, lo so, sembra un dispetto,
hai chiuso a volo e non c’è un cazzo al pozzetto”
Sto zitto, non parlo e sono rauco
e intanto zio Enzo ha chiuso il quarto burraco!

“Al ricevimento vuoi invitare anche Oronzo?!”
Ehi, Enzuccio imbroglia , che faccia di stbronzo!
Otto di cuori, sono in tua fervida attesa,
aahah fianlmente ho chiuso, ma abbiamo preso la spesa.

Meno centoventi, questo è il nostro punteggio
sfido chiunque, son certo, a fare di peggio!
Finalmente la prima è andata, usciamo fuori,
mentre impreco e maledico quel dieci di fiori.

A me una birra, a te un caffè,
distraiamoci, “ramm nà sigarè!”
Naa, non ne hai “sciopero dei treni”, questa è la giustificazione,
ah dimenticavo, tabacco a Stabia e caramelle a Pordenone!

Guardi le stelle e nei tuoi pensieri scivoli,
mentre voce fine e limpida dice “signori, tavoli!”
Corno in mano, e le sfere mi gratto
“Ora si vince!non è giuramento e nemmeno un patto”

“Tesoro, è inutile dirlo, siamo al tavolo diciotto”
troppa sfiga e ora, si paga lo scotto;
senza sedie, ultimi, capita spesso,
“ok, se a te va bene, sediamoci al cesso!”

La musica è sempre la stessa…ohi ohi
il mazzo a loro e gli sguardi a noi.
Forse è meglio, accontentiamoci,
preferisco i tuoi occhi a riti satanici

“Ma perchè ti sforzi tanto? Lo sai, non è il tuo forte
gioca d’istinto, poi ci pensa la sorte;
stai pensando di nuovi ai bianchi confetti,
hai il jolly in mano, e ora dove lo metti?”

Il fumo esce dalla tua testa “stai pensando?” e io mi rammarico,
“no, non lo fare! fermati!” e tiro lo scarico.
Ci siam quasi, anche questa è finita
abbiamo perso, ma questa è la vita.

E’ probabile, non vinceremo mai,
ma io continuo “il motivo lo sai?”
Che ci frega, RIDERE è l’importante,
e se c’è la mia sposa, il resto è irrilevante.

Un giorno ricorderemo le nostre gloriose chicche,
ammetto tutte le carte, ma mai, mai il 2 di picche!!
E oggi ti ringrazio, ho ritrovato una smarrita via,
era il mio forte: VOLARE CON LA FANTASIA.

Poesia demente di 6 anni fa. Era ora di ricordarla.
Dedicata a Valeria, forse una delle mie parti più belle, una delle poche che non ho tradito.

Auguri a lei e al mitico Tatore….Tatò, Tatò ma chi t’ha fatt fà?!

Ccà

Posted by lapo2001 on lug 25th, 2008

antico talamo procidano, inserito originariamente da honeycri.

CCà, stanotte, sta chiuvenn,

t’firm int ‘o respiro ro viento

e int ‘o scuro ra luna…

Llà, nun c’staie,

nun c’staie n’copp ‘o lietto,

assettata annanz ‘o specchio…

Ccà, staie,

co’ l’uocchie mie e…

‘o mbruglio ro core.

Chiedo scusa per il mio napoletano pedestre.

Occhi

Posted by lapo2001 on lug 18th, 2008

Occhi ciechi, inserito originariamente da giulifff.

Il rossetto sul bordo del bicchiere,

le ciglia sottili e appuntite,

il piccolissimo neo sotto il mento,

l’anellino al quarto dito del piede,

il capello bianco,

la leggera pendenza della sinistra,

il brillantino sul dente,

le macchioline di trucco sul cuscino,

le orme sul pavimento,

il reggiseno a righe,

il nero degli occhi tuoi,

il blu della maglietta,

il rosa degli slip,

la polvere tra i palmi delle mani,

la stellina tatuata sulla schiena,

la Q di cuori,

i creckers…

…ho visto…

Bocca

Posted by lapo2001 on apr 22nd, 2008

Uploaded with ImageShack.us

Una zolletta di dolcezza,

il profumo di primavera,

rosea e lievemente lucida,

una melodia,

parole, sibili e sospiri che anela.

Tempo e immagini si perdono per quelle labbra,

il fuoco divampa per quell’ ovale,

il cuore accelera per quel sorriso,

e si arresta per quel bacio…

…e tutto per meno di tre centimetri quadrati.

Considero valore

Posted by lapo2001 on apr 15th, 2008

Considero valore ogni forma di vita,
la neve, la fragola, la mosca.
Considero valore il regno minerale, l’assemblea delle stelle.
Considero valore il vino finchè dura il pasto,
un sorriso involontario, la stanchezza di chi non si e’ risparmiato,
due vecchi che si amano.
Considero valore quello che domani non varra’ piu’ niente,
e quello che oggi vale ancora poco.
Considero valore tutte le ferite.
Considero valore risparmiare acqua,
riparare un paio di scarpe,
tacere in tempo,
accorrere a un grido,
chiedere permesso prima di sedersi,
provare gratitudine senza ricordarsi di che.
Considero valore sapere in una stanza dov’e’ il nord,
qual’e’ il nome del vento che sta asciugando il bucato.
Considero valore il viaggio del vagabondo,
la clausura della monaca,
la pazienza del condannato, qualunque colpa sia.
Considero valore l’uso del verbo amare
e l’ipotesi che esista un creatore.

Molti di questi valori non ho conosciuto.
(Erri De Luca)

Considero valore il tuo profumo,
perchè non l’ho mai odorato,
considero valore i tuoi occhi,le tue smorfie e il tuo sorriso,
perchè non li ho mai visti
le tue mani bianche, i capelli sciolti e gli avambracci,
perchè non li ho mai toccati.
Considero valore le tue dolci parole, i pianti e i tuoi baci,
perchè non li ho mai sentiti,
il modo in cui mi entri nella testa, l’idea che ho di te,
perchè è il momento in cui sei qui.
Considero valore l’attimo in cui mi pensi,
perchè è l’unico in cui siamo qui,
la tua generosità, la coerenza e la tua tolleranza,
perchè non ti conosco
…considero valore la tua bocca, dolce e colorata
perchè è l’unica cosa che realmente mi ricordo.

Molti di questi valori non ho conosciuto.

Tutto ciò che vorremmo, ma che non riusciamo a possedere vale sempre un pò di più.

Next »

Archivi