Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.salviamopeterpan.com/htdocs/wp-content/plugins/paged-comments/paged-comments.php on line 31
Lapo | Salviamo Peter Pan

Auguri al lupo

Posted by lapo2001 on ott 16th, 2010

lapo

Tanti tanti auguri a quella piccola e meravigliosa anima pelosa che compie 9 anni e che ogni giorno allieta i miei occhi e il mio cuore.
Lodi, lodi e ancora lodi al lupo Lapo.

‘A vocca toja

Posted by lapo2001 on mag 26th, 2010

Ripropongo questa poesia riveduta e corretta dal maestro linguista Raffaele Bracale che ringrazio infinitamente:

‘A VOCCA TOJA

Cammenanno, cammenanno…

No, nun è ‘o ppoco ‘e sole ca sta trasenno,
nun è ‘o ccantà arrecriato d’’e cardille…;
nun è ll’acqua ca s’ammesca cu ‘o viento
e nnemmanco ‘a museca d’ ‘a campana;
nun ce azzecca ‘o ricordo appicciato
‘e chillu sbrennente scarpinetto
o ‘e penziere d’’a libbertà;
gnernò, no, chesta tene cchiú cculore,
ch’ è cchiú cauro e sta cchiú ‘ncoppa,

sta ‘mmiezo a cchillu Paraviso.
Chillo Paraviso:
ddoje stelle chiene ‘e ducezza,
ll’ avvampore d’ ‘a pelle
e l’addore d’’e sciure
‘nfilate dint’ê zirule
ca lle tenono cumpagnia,
e‘a fanno ‘a connola d’ ‘a bellezza.
Ma i’ nun accapezzo:
‘a ddo’ è asciuto ‘stu panaro?
‘e qua’ manera te fa jí all’atu munno,
‘int’â ‘rraggia o ‘int’ô cunzuolo,
‘miez’ ê pporte ‘e casadiavulo
o d’’o Pataterno?O pure ‘ncopp’â luna?
Chella è accussí piccirella, accussí ttoma,

nun s’ è ‘mparata a s’acquattà,
nun ‘o sape ca sulo se lle vene ‘ncapa ‘e parlà,
allumma ‘na trunata,
e ppo, nun ‘o ssape ca si se spassa
o se mette a vasà,
tanno addeventa ‘nu panteco, ‘nu patemiento,
pecchè i’ ‘a cunosco,
i’’o ssaccio ca chella priezza
m’attocca sulo dint’ô suonno, ‘e notte.
Aggi’ ‘a tené mente, aggi’ ‘a sapé,
e pe cchesto ca â penzo
e nun ‘ntenno s’è ‘na bbona refosa;
si sento cca vvicino
chell’addore d’e percoche
ca supera tutti ll’ati prufume!
Nun songo chiú ll’aspierto,

‘o professore ca raggiona,
‘o petrusiniello ca vo’ addimannà e vvo’ sapé…;
addevento l’urdemo sciascillo,
‘o cafariello ‘ncafurchiato ‘e chillu schianto,
‘o peggio d’’e tuccate…
Sultanto pe ‘nu vaso!
Forze è ppe cchesto ca mme vene d’alluccà,
‘e annasconnere ‘a verità
dint’â neglia d’ ‘e penziere,
e cu ‘a fantasia, ‘a vaco ascianno,
‘a veco, ‘a sento, ‘a maneo, sta cca,
sta ‘mmiezo a ‘stu mare ‘e chiacchiere superchie…,
me sta aspettanno dint’ ê buscie faveze

‘e tanti e ttanti vase ca friccichejano
‘ncopp’a sta brutta faccia d’ ‘a mia!
No, nun è ll’onna ca chiagne
o ‘e ccerase nere e ssapurite
nun è l’alleria ca cummoglia ‘e stierne ‘e dimane
e nemmanco ll’uosemo d’ ‘a terra…,
nun ce trase ‘o juoco streuzo d’’a furtuna cecata
o ‘o gulio preputente d’a staggiona,
gnernò, no, chesta cca, tène cchiú culore,
ch’ è cchiú cauro!

È ‘a vocca toja, ‘o chiuovo mio,
e sta lla ‘ncoppa, miez ‘a chillu Paraviso…

cammenanno, cammenanno…

Lapolandese

Posted by lapo2001 on mar 2nd, 2010

Lapolandese

Poi dicono che l’ambiente non influenza…
In Olanda anche Lapo si trasformò nel Paul Newmann dei cani.

La prossima volta invece, vi posto la foto di quando siamo stati in Africa in una tribù masai…(ovviamente solo a mezzo busto).

‘a vocca toja

Posted by lapo2001 on nov 6th, 2009

Mi accosto alla tua bocca solo per capire dove sia il mistero.

Cammenanno, cammenanno…

No, nun è ‘o poco ‘e sole ca sta trasenno o ‘e canti arrecriati d’e cardilli,
nun è ‘a chioppeta ca s’ammesca cu’ viento e manco ‘a museca d’a campana,
nun c’azzecca l’allicuordo appicciato ‘e chella sbrannente scarpinetta o ‘e penzieri d’a libertà,
no, no, chesta ca, tene chiù colore, chiù cauro, sta chiù ‘ncoppa, sta miezo a chillo paraviso.

Chillo paraviso. Doje stelle chiene ‘e ducezza, ‘o vampore d’a pelle
e l’addore d’e sciuri int’e ziruli ‘a fanno cumpagnia, ‘a fanno ‘a connula d’a bellezza.
Ma je nun accapezzo ‘o panaro addò è asciuto e ‘a manera ca fa ì all’autro munno,
int’a arraggia o int’o conzuolo, miez ‘e porte d’a casa d’o diavulo o d’o pat’eterno? o ‘ncopp’a luna?

Chella è accussì piccirella, accussì toma, nun s’mpara a s’acquattà,
nun ‘o sape ca sulo se c’vene ‘n capa ‘e dicere, alluce ‘na trunata,
e po, nun ‘o sape ca se s’spassa o s’mette a vasà, tanno arreventa nu panteco, nu patemiento,
pecchè j’acconosco, j’o saccio ca chella priezza m’attocca sulo int’o suonno, ‘a notte.

Aggio tenè mente, aggio assapè, è pecchesto ca ‘a penzo e nun ‘ntenno s’è ‘na bona refosa;
se sento c’abbecino chell’addore d’e percoche ca superchia tutti ‘e sciusci
nun songo chiù l’aspierto, ‘o professore d’a ragione, ‘o petrusiniello ca vò addumannà,
arrevento l’urdemo sciascillo, ‘o cafariello ‘ncafurchiato ‘e chillo spanto, ‘o peggio d’e tuccati…pe’ nu vaso.

Forse pecchesto m’vene ‘e alluccà, ‘e stipà ‘a verità int’a neglia ‘e stu penziero,
e co’ genio, ‘a vado a ascià, ‘a vedo, ‘a sento, ‘a maneo, sta cà,
è in miezo a chisto mare ‘e chiacconi scapaci, m’sta aspettanno,
inta ‘a buscia asciurtata ‘e nu puzzo ‘e vasi ca friccicheano ‘ncopp’a sta brutta faccella.

No, nun è ll’onna ca chiagne o ‘e cerase nire e sapurite
nun è l’alleria ca cummiglia ‘e stierni ‘e dimane e manco l’uosemo d’a terra,
nun c’trase ‘o streuzo juoco d’a scalogna cecata o ‘o gulio d’a stasciona,
no, no, chesta ca, tene chiù calore, chiù cauro, è ‘a vocca toja, ‘o chiuovo mio, sta lla ‘ncoppa, miez ‘a chillo paraviso…

…cammenanno, cammenanno...

Chiedo scusa per gli errori ortografici, ma scrivere e pensare correttamente in dialetto per me è impresa ardua. C’ho provato.
Se qualcuno la ritenesse indecifrabile e fosse interessato alla traduzione, me lo faccia sapere.

La vita è una lampadina strana

Posted by lapo2001 on lug 15th, 2009


Bulbs, inserito originariamente da funadium.

Pensieri strampalati

- Ci sono peccati che non possono non essere commessi.
- Da quando ho commesso il primo peccato non ho più saputo smettere.
- Se mi guardo troppo allo specchio è perchè non riesco a guardare in quello degli altri.
- Ci sarebbero molte ed affascinanti cose da capire sulle donne. Ma l’unica certezza che serve è che non capirai mai niente.
- La volgarità profuma troppo.
- In gioventù l’educazione e le buone maniere a volte sono un muro. In età adulta sono una porta.
- Non c’è peggior sordo di chi urla.
- Un sentimento imposto col tempo diventa aceto.
- Un angolo ameno è buono per ripartire.
- L’ansia deriva dalla paura di perdere il manubrio.
- In tutte le famiglie ci sono panni sporchi da lavare e rotti da rammendare.
- C’è chi non parla di sè, non perchè non vuole o non sa, ma semplicemente perchè non è.
- C’è chi litiga in chiesa mentre fa la fila per confessarsi.
- Una bocca bella è un buon pensiero prima di addormentarsi.
- L’ispirazione prende vita nella curiosità.
- Il momento di gloria è un momento.
- Ho saputo perdonare solo dopo aver conosciuto il peccato.
- Non parlarsi non vuol dire non intendersi. Non guardarsi è l’origine dell’incomprensione.

- La vita è una lampadina strana. Ed è sempre una sola.

Lapo

Supersantos

Posted by lapo2001 on lug 7th, 2009

Tony Tammaro

E’ il passatempo preferito di Lapo.

La gelosia urla forte e male

Posted by lapo2001 on mag 5th, 2009

urlo

30 miei pensieri sparsi

Se a tavola non si parla o si ha la bocca piena o si è alla frutta.
Gli uomini pensano di essere migliori degli animali solo perché hanno un conto in banca.
Prima di dichiararti innamorato, verifica se tu non sia in una cantina.
Quando si prende una decisione, da qualche parte ci sarà qualcuno che si lamenta.
Il genio odia la sua solitudine, ma non può farne a meno.
Tutto ruota intorno al denaro. Tutto ruota intorno al sesso.
Ci sono orecchie buone solo per tenere orecchini.
Il problema di molti che non lavorano sta nel proprio tempo libero.
Per alcuni credere in Dio vuol dire automaticamente non credere in se stessi.
L’opera d’arte è nel particolare che non ha afferrato l’autore.
Ciò che non tocchi resta immortale.
E’improbabile trovare un tesoro su un’autostrada.
Ai chiodi fissi nella testa sono appesi pensieri instabili.
Non sempre il silenzio è indifferenza.
Che tristezza le donne che sanno solo ridere.
Le donne più belle sono quelle la cui bellezza gioca a nascondino.
Con la più bella di tutte ci farei volentieri colazione.
La gelosia urla forte e male.
Il cuore si può colpire anche senza prendere la mira.
L’errore peggiore è quello di non sbagliare mai.
In un viso bello, anche il difetto lo è.
Molti grandi li fanno la gente. La maggior parte dei più grandi sono ignoti alla gente.
Il vero bene è nell’inconsapevolezza.
Quando mi sono videoripreso la prima volta ho visto uno sconosciuto.
Un bacio immaginato a quella bocca è autofustigazione.
Per volare c’è bisogno solo di occhi chiusi e di un cuore aperto.
In uno zaino puoi metterci tutto.
La barba è il primo utile nascondiglio.
Le bugie a volte sono veri e propri interventi chirurgici.

E se la realtà supera il sogno?

Lapo

In treno si fa l’amore con gli sguardi

Posted by lapo2001 on apr 16th, 2009

occhi

24 miei sguardi-pensieri sparsi

-La maggior parte degli uomini che guarda negli occhi, vede il loro colore. La maggior parte delle donne, vede il colore delle scarpe.
-L’amore nasce spontaneo, l’odio si conquista (by Io).
-Se Freud avesse avuto Facebook, avrebbe studiato zoologia.
-La quantità di punti esclamativi è il termometro dell’idiozia.
-Molti uomini ammogliati lavorano per riposare.
-Tanti non sono credenti perché i preti non sono santi.
-Si può scrivere “ti amo” anche sulla carta vetrata.
-Una bella donna che per strada fuma è come un pelo nero e lungo sul capezzolo.
-Uso la parola “mai” solo per le cose che non ho mai fatto e non per quelle che mai farò.
-Tutto ha origine da uno svuotamento.
-C’è chi la mattina prima di accendere il cervello e aprire gli occhi, accende e apre il cellulare.
-Ci sono persone che offrono dolci ai diabetici solo per una questione di forma.
-L’unico rapporto duraturo che alcuni uomini riescono a mantenere è quello col proprio pene.
-A volte tradire se stessi per non tradire gli altri è un necessario coerente masochismo.
-Le tragedie altrui per qualcuno sono botte di vita.
-La solennità si può trovare nella eco delle note lunghe.
-In treno si fa l’amore con gli sguardi.
-Un buon compagno di viaggio ha pochi spiccioli in tasca.
-C’è chi col proprio silenzio non ti fa dormire.
-La mente è il posto più malato che conosca (by Io).
-La fortuna è ovunque, anche nel culo di una pulce.
-Una cena inaspettata tra amici è sempre un successo.
-Negli occhi c’è tutto ciò che serve…

-Si vive una volta sola, questa.

Lapo

Lapo

Posted by lapo2001 on mar 4th, 2009

Lapo

Perchè Lapo2001?

Purtroppo questo nome viene associato inevitabilmente al rampollo di una celebre famiglia. E’ sicuramente il Lapo più conosciuto d’Italia. Ma invece la motivazione non è dovuta a Elakan, bensì a Ilkan, o meglio al nome del mio fantasticissimissimo cane. E 2001 è l’anno della sua nascita, qualche anno prima che il suo omonimo si lasciasse conoscere da tutti per le sue marachelle.
Il mio pastore tedesco si chiama così per una ragione ben più nobile ed aulica, si chiama così in onore ad un poeta, Lapo Gianni, amico di Dante, menzionato in una delle poesie di quest’ultimo dedicata a Guido Cavalcanti. Eccone il testo:

Guido, i’ vorrei che tu e Lapo ed io

Guido, i’ vorrei che tu e Lapo ed io
fossimo presi per incantamento,
e messi in un vasel ch’ad ogni vento
per mare andasse al voler vostro e mio,

sì che fortuna od altro tempo rio
non ci potesse dare impedimento,
anzi, vivendo sempre in un talento,
di stare insieme crescesse ‘l disio.

E monna Vanna e monna Lagia poi
con quella ch’è sul numer de le trenta
con noi ponesse il buono incantatore:

e quivi ragionar sempre d’amore,
e ciascuna di lor fosse contenta,
sì come i’ credo che saremmo noi.

Dante Alighieri

Archivi