Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.salviamopeterpan.com/htdocs/wp-content/plugins/paged-comments/paged-comments.php on line 31
Minao | Salviamo Peter Pan

Mary & Minacio

Posted by lapo2001 on apr 13th, 2010

Al cinema

Mary e Minacio del Toro sono i protagonisti di due remake che hanno sbancato il botteghino. Non so quale dei due andare a vedere. A qualcuno pare che non sia piaciuto…tutta invidia. Voi cosa mi consigliate?

Indovina chi…

Posted by lapo2001 on nov 27th, 2009

minao acquario

Chi si nasconderà dietro l’acquario imitando Silvestirno?

Osserva bene la stanza…

Topo ter

Posted by lapo2001 on lug 23rd, 2009

Topo 3

Altro che scale, antiratti, gatti spaziali e stanatori… tra poco servirà il pifferaio magico…
…e meno male che Minao diceva che sul suo tetto non c’era niente…
…E’ ‘na tragedia ‘o vero…

Topo bis

Posted by lapo2001 on lug 13th, 2009

Topo 2

La storia dei topi non finisce, anzi. Proliferano.

Il bel tempo ormai si è assestato e i roditori del nord-Italia(soprattutto da Genova)approfittano per passare le vacanze qui dopo il rigido e tormentato inverno.
Anche perchè in giro si dice che c’è un posto in cui sono ben accetti…

Gionni, Minao vi aspettano lunghe battaglie…

Da notare il mouse(quello che si usa nel pc).

Il topo

Posted by lapo2001 on lug 4th, 2009

Mentre la sfida tra Bambola e the Ass sugli accendini ha mobilitato mezzo paese e si è in attesa del tanto sospirato epilogo, un’altra storia si protrae inaspettatamente.
Ricordate il post (la tana) in cui Gionni appeso ad una scala ha costretto Minao a cercare un fantomatico topo sul tetto?
Gionni è stato nominato alla fine come un pazzo paranoico visionario…
Beh, il topo si è rifatto vivo…

La tana

Posted by lapo2001 on giu 26th, 2009

“Ho visto un topo! Ho visto un topo!”

Gionni esordisce in questo modo domenica pomeriggio dopo un’accurata ispezione del terrazzo di casa Minao, mentre tutti noi altri siamo distesti e rilassati intenti e vogliosi di gustarci il proseguimento del film “il cacciatore di aquiloni”.
“Ho visto un topo sul tetto grande così”, allargando le mani sempre di più sino ad arrivare alla grandezza di un’anguria. “Mamma mia che impressione. Antò(Minao) dovremmo controllare lassù, sul cornicione se c’è la tana. Ho paura che nemmeno il Romano riesca a neutralizzarli sti opossum squittenti. Dai, alzati e andiamo a vedere!”.
Il Minao, unico a disinteressarsi completamente del film e perso con la testa nel pc per cercare le nuove ricette di suor Germana non ha alcun tipo di reazione. Gli occhi imbalsamati sui tagliolini alle uova di lumaca non lasciano spazio ad altri tipi di attenzione. Snob, lascia che Gionni continui il suo sproloquio anti-ratto con noi. Ma il cacciatore di aquiloni è di gran lunga più emozionante e coinvolgente della storia del cacciatore di roditori del nostro caro amico.
Dopo una decina di minuti ricompare Gionni tutto trafelato con la camicia semiaperta e le mani sporche.
“Ma Antò, forse non hai capito. Sul tetto prima ho visto un topooo. Ho cercato di arrampicarmi ma mi ci vorrebbe una scala e poi soffro un pò di vertigini. Dai, andiamo a vedere se c’è la tana. Dai, andiamo. Dai. Cerchiamo la tana”.
Il Minao mentre cerca di capire come si riempiono i conchiglioni con trippa e uova di elefante, esasperato, si decide a recuperare una scala per far tacere le continue e logorroiche pretese predatrici di Gionni.
“Giuà, ma ho ssai che si nu sassaca**?”. Anche il Minao esce fuori il terrazzo.

Intanto il film ci rapisce totalmente, anche se ogni 2 minuti si sente la voce stridula di Gionni: “Vai più a destra. No,no, a sinistra. Allungati. C’è?C’è?La tana c’è?”.
Dopo poco, ci rendiamo conto che la nostra quiete è definitivamente compromessa. Anche Mimì si associa alle urla prorompenti di Gionni. La fine della storia del ragazzo in Afghanistan ci è impossibile conoscerla. Gli aquiloni dovranno aspettare.
“Bau, Baaauuu, Baaaaauuuuu”(Mimì). “La vedi? La vedi? la vedi la tana? Dimmi che la vedi. Dai Antò, fai uno sforzo e arrampicati”.

Usciamo fuori e…

Gionni e la tana

…i nostri occhi sono costretti a vedere una scena apocalittica. Gionni appeso come un fenicottero alla scala che impartisce lezioni di Mousebusters al povero e sconsolato Minao.
“A me sembra quasi di vederla. Sì, sì, quel foro nero lì, sì, proprio lì, vicino al cornicione. Dai che c’è la tana! La vedi? la vedi? La vedi?”…

Ovviamente, nessuna tana è sata scovata. Ma il Minao comunque ha tratto beneficio da questa esperienza. Anche se suor Germana prevedeva nelle sue frittate uova di coccodrillo, il Minao ha degustato un’ottima (a suo dire) omelette con uova di piccione(erano nella grondaia).

Uovo

Uovo2

Gionni, se non erro è ancora appeso alla scala.

Jigen Minao

Posted by lapo2001 on apr 23rd, 2009

minao zebra

Jigen Minao l’ammazza-zebre è in giro.
Dopo aver arredato tutta la casa, ha deciso di regalare una nuova ciotola a Mimì…

Pasquetta ‘09

Posted by lapo2001 on apr 14th, 2009

Il cacciatore di aquiloni

“Beh piove, che si fa?”
“Si potrebbe andare a fare una scampagnata sulle Tore, n’copp ‘e cascarelle, o magari sul Pordoi, sul Monte Bianco o sul Kilimangiaro…”
“Ma non lo vedi come piove?! Ieri mi sono fatta la messa in piega e poi ho lo smalto sulle unghie…Uff, mi annoio, chefacciamochefacciamochefacciamo?”

Tipici discorsi pre-pasquetta delle ore 13 quando ancora non s’è organizzanto niente.

Piove? E allora quale poteva essere la solita destinazione per il nostro Lunedì dell’Angelo? … Ovviamente casa Minao. Ovviamente Fabri avrà esultato.
Pranzo organizzato in 25 minuti: polli da Tonino, bevande dal the Ass e cibarie varie portate da tutti i componenti.
E anche ovvio ricordare che non appena abbiamo messo piede tra le nostre care mura di Largo dell’Annunziata ha smesso di piovere ed è uscito un sole spaccapietre.
Il solito gozzoviglio, il solito rosso che ha fatto vari giri prima di salire(quello del Dgiuffre s’è lasciato bere che è un vero piacere), la solita melodia canora di un cano piccolo piccolo, la solita organizzazione impeccabile di Fabri, i soliti 200 caffè, le solite cazzate del the Ass, il solito documentario sui barbaggianni visto da Danilone sul divano, stavolta insieme al Graffio ed Enrika(quest’ultima non accortasi della possibilità di calare la tenda nella stanza ha piazzato un pareo(?!) coprente il balcone per evitare i fastidiosi raggi del sole), il solito torneo di burraco, la solita sfiga che ha investito me e Francesca, il solito uovo di cioccolata, la solita cocacola sparsa accidentalmente per tutta la sala da parte di Mari, la solita fortuna di Anna e Bambola, il solito gelato del Bar delle Rose…
…da registrare come eventi eccezionali: Fabri non ha nascosto il suo uovo e ci ha concesso di assaggiarlo(forse solo per distrazione). The Ass, per la prima volta è riuscito a vincere una partita di burraco contro di me. Minao non è stato nella sua usuale postura per almeno 3/4 della giornata. Valentino Rossi s’è piazzato secondo.

Qualcuno potrebbe pensare che stia dimenticando qualcuno all’appello. No, no. Ada era assente per suoi impegni, Catapo era già in viaggio per la sua Milano e Gianluigi M.?
Gianluigi approfittando delle refole di tramontana è stato tutto il tempo sul terrazzo per cercare di far volare un mini-aquilone.
Credo che ora, il cacciatore di aquiloni sia ancora lì…

Un saluto a tutta l’allegra banda. Senza di voi non sarebbe la solita divertente pasquetta.

Archivi