Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.salviamopeterpan.com/htdocs/wp-content/plugins/paged-comments/paged-comments.php on line 31
Poesia | Salviamo Peter Pan

I cieli sono uguali

Posted by lapo2001 on giu 9th, 2011

Uploaded with ImageShack.us

I cieli sono uguali

I cieli sono uguali
Azzurri, grigi, neri,
si ripetono sopra
l’arancio o la pietra:
guardarli ci avvicina.
Annullano le stelle,
tanto sono lontane
le distanze del mondo.
Se noi vogliamo unirci,
non guardare mai avanti:
tutto pieno di abissi,
di date e di leghe.
Abbandonati e galleggia
sopra il mare o sull’erba,
immobile, il viso al cielo.
Ti sentirai calare
lenta, verso l’alto,
nella vita dell’aria.
E ci incontreremo
oltre le differenze
invincibili, sabbie,
rocce, anni, ormai soli,
nuotatori celesti,
naufraghi dei cieli.

Pedro Salinas
(da poesieracconti.it)

Zuoccole, tammorre e femmene

Posted by lapo2001 on dic 19th, 2010

Zuoccole, tammorre e femmene

Tutte hanno scritto ‘e Napule canzone appassiunate,
tutte ‘e bellezze ‘e Napule sò state decantate:
da Bovio a Tagliaferri, Di Giacomo a Valente;
in prosa, vierze e musica: ma chi po ddi cchiù niente?
Chi tene ‘o curaggio ‘e di’ quaccosa
doppo ca sti puete gruosse assaie
d’accordo songo state a ddi una cosa:
ca stu paese nun se scorda maie.
Sta Napule, riggina d’ ‘e ssirene,
ca cchiù ‘a guardammo e cchiù ‘a vulimmo bbene.
‘A tengo sana sana dinto ‘e vvene,
‘a porto dinto ‘o core, ch’ aggia fà?
Napule, si comme ‘o zucchero,
terra d’ammore – che rarità!
Zuoccole, tammorre e femmene,
è ‘o core ‘e Napule ca vò cant&agrave.
Napule, tu si adorabile,
siente stu core che te vò di:
“Zuoccole, tammorre e femmene,
chi è nato a Napule nce vo murì”.

Totò

Invictus

Posted by lapo2001 on set 9th, 2010

Dal profondo della notte che mi avvolge,
buia come il pozzo più profondo che va da un polo all’altro,
ringrazio gli dei chiunque essi siano
per l’indomabile anima mia.

Nella feroce morsa delle circostanze
non mi sono tirato indietro né ho gridato per l’angoscia.
Sotto i colpi d’ascia della sorte
il mio capo è sanguinante, ma indomito.

Oltre questo luogo di collera e lacrime
incombe solo l’Orrore delle ombre,
eppure la minaccia degli anni
mi trova, e mi troverà, senza paura.

Non importa quanto sia stretta la porta,
quanto piena di castighi la vita.
Io sono il padrone del mio destino:
io sono il capitano della mia anima.

William Ernest Henley

‘A vocca toja

Posted by lapo2001 on mag 26th, 2010

Ripropongo questa poesia riveduta e corretta dal maestro linguista Raffaele Bracale che ringrazio infinitamente:

‘A VOCCA TOJA

Cammenanno, cammenanno…

No, nun è ‘o ppoco ‘e sole ca sta trasenno,
nun è ‘o ccantà arrecriato d’’e cardille…;
nun è ll’acqua ca s’ammesca cu ‘o viento
e nnemmanco ‘a museca d’ ‘a campana;
nun ce azzecca ‘o ricordo appicciato
‘e chillu sbrennente scarpinetto
o ‘e penziere d’’a libbertà;
gnernò, no, chesta tene cchiú cculore,
ch’ è cchiú cauro e sta cchiú ‘ncoppa,

sta ‘mmiezo a cchillu Paraviso.
Chillo Paraviso:
ddoje stelle chiene ‘e ducezza,
ll’ avvampore d’ ‘a pelle
e l’addore d’’e sciure
‘nfilate dint’ê zirule
ca lle tenono cumpagnia,
e‘a fanno ‘a connola d’ ‘a bellezza.
Ma i’ nun accapezzo:
‘a ddo’ è asciuto ‘stu panaro?
‘e qua’ manera te fa jí all’atu munno,
‘int’â ‘rraggia o ‘int’ô cunzuolo,
‘miez’ ê pporte ‘e casadiavulo
o d’’o Pataterno?O pure ‘ncopp’â luna?
Chella è accussí piccirella, accussí ttoma,

nun s’ è ‘mparata a s’acquattà,
nun ‘o sape ca sulo se lle vene ‘ncapa ‘e parlà,
allumma ‘na trunata,
e ppo, nun ‘o ssape ca si se spassa
o se mette a vasà,
tanno addeventa ‘nu panteco, ‘nu patemiento,
pecchè i’ ‘a cunosco,
i’’o ssaccio ca chella priezza
m’attocca sulo dint’ô suonno, ‘e notte.
Aggi’ ‘a tené mente, aggi’ ‘a sapé,
e pe cchesto ca â penzo
e nun ‘ntenno s’è ‘na bbona refosa;
si sento cca vvicino
chell’addore d’e percoche
ca supera tutti ll’ati prufume!
Nun songo chiú ll’aspierto,

‘o professore ca raggiona,
‘o petrusiniello ca vo’ addimannà e vvo’ sapé…;
addevento l’urdemo sciascillo,
‘o cafariello ‘ncafurchiato ‘e chillu schianto,
‘o peggio d’’e tuccate…
Sultanto pe ‘nu vaso!
Forze è ppe cchesto ca mme vene d’alluccà,
‘e annasconnere ‘a verità
dint’â neglia d’ ‘e penziere,
e cu ‘a fantasia, ‘a vaco ascianno,
‘a veco, ‘a sento, ‘a maneo, sta cca,
sta ‘mmiezo a ‘stu mare ‘e chiacchiere superchie…,
me sta aspettanno dint’ ê buscie faveze

‘e tanti e ttanti vase ca friccichejano
‘ncopp’a sta brutta faccia d’ ‘a mia!
No, nun è ll’onna ca chiagne
o ‘e ccerase nere e ssapurite
nun è l’alleria ca cummoglia ‘e stierne ‘e dimane
e nemmanco ll’uosemo d’ ‘a terra…,
nun ce trase ‘o juoco streuzo d’’a furtuna cecata
o ‘o gulio preputente d’a staggiona,
gnernò, no, chesta cca, tène cchiú culore,
ch’ è cchiú cauro!

È ‘a vocca toja, ‘o chiuovo mio,
e sta lla ‘ncoppa, miez ‘a chillu Paraviso…

cammenanno, cammenanno…

Pianefforte ‘e notte

Posted by lapo2001 on feb 10th, 2010

Nu pianefforte ‘e notte
Sona lontanamente
E ‘a musica se sente
Pe ll’aria suspirà.

E’ ll’una: dorme ‘o vico
Ncopp’a sta nonna nonna
‘e nu mutivo antico
‘e tanto tempo fa.

Dio, quanta stelle cielo!
Che luna! E c’aria doce!
Quanto na bella voce
Vurria sentì cantà!

Ma solitario e lento
More ‘o mutivo antico;
se fa cchiù cupo o vico
dint’a all’oscurità.

Ll’anema mia surtanto
rummane a sta funesta.
Aspetta ancora. E resta,
ncantannose, a penzà.

Salvatore Di Giacomo

‘a vocca toja

Posted by lapo2001 on nov 6th, 2009

Mi accosto alla tua bocca solo per capire dove sia il mistero.

Cammenanno, cammenanno…

No, nun è ‘o poco ‘e sole ca sta trasenno o ‘e canti arrecriati d’e cardilli,
nun è ‘a chioppeta ca s’ammesca cu’ viento e manco ‘a museca d’a campana,
nun c’azzecca l’allicuordo appicciato ‘e chella sbrannente scarpinetta o ‘e penzieri d’a libertà,
no, no, chesta ca, tene chiù colore, chiù cauro, sta chiù ‘ncoppa, sta miezo a chillo paraviso.

Chillo paraviso. Doje stelle chiene ‘e ducezza, ‘o vampore d’a pelle
e l’addore d’e sciuri int’e ziruli ‘a fanno cumpagnia, ‘a fanno ‘a connula d’a bellezza.
Ma je nun accapezzo ‘o panaro addò è asciuto e ‘a manera ca fa ì all’autro munno,
int’a arraggia o int’o conzuolo, miez ‘e porte d’a casa d’o diavulo o d’o pat’eterno? o ‘ncopp’a luna?

Chella è accussì piccirella, accussì toma, nun s’mpara a s’acquattà,
nun ‘o sape ca sulo se c’vene ‘n capa ‘e dicere, alluce ‘na trunata,
e po, nun ‘o sape ca se s’spassa o s’mette a vasà, tanno arreventa nu panteco, nu patemiento,
pecchè j’acconosco, j’o saccio ca chella priezza m’attocca sulo int’o suonno, ‘a notte.

Aggio tenè mente, aggio assapè, è pecchesto ca ‘a penzo e nun ‘ntenno s’è ‘na bona refosa;
se sento c’abbecino chell’addore d’e percoche ca superchia tutti ‘e sciusci
nun songo chiù l’aspierto, ‘o professore d’a ragione, ‘o petrusiniello ca vò addumannà,
arrevento l’urdemo sciascillo, ‘o cafariello ‘ncafurchiato ‘e chillo spanto, ‘o peggio d’e tuccati…pe’ nu vaso.

Forse pecchesto m’vene ‘e alluccà, ‘e stipà ‘a verità int’a neglia ‘e stu penziero,
e co’ genio, ‘a vado a ascià, ‘a vedo, ‘a sento, ‘a maneo, sta cà,
è in miezo a chisto mare ‘e chiacconi scapaci, m’sta aspettanno,
inta ‘a buscia asciurtata ‘e nu puzzo ‘e vasi ca friccicheano ‘ncopp’a sta brutta faccella.

No, nun è ll’onna ca chiagne o ‘e cerase nire e sapurite
nun è l’alleria ca cummiglia ‘e stierni ‘e dimane e manco l’uosemo d’a terra,
nun c’trase ‘o streuzo juoco d’a scalogna cecata o ‘o gulio d’a stasciona,
no, no, chesta ca, tene chiù calore, chiù cauro, è ‘a vocca toja, ‘o chiuovo mio, sta lla ‘ncoppa, miez ‘a chillo paraviso…

…cammenanno, cammenanno...

Chiedo scusa per gli errori ortografici, ma scrivere e pensare correttamente in dialetto per me è impresa ardua. C’ho provato.
Se qualcuno la ritenesse indecifrabile e fosse interessato alla traduzione, me lo faccia sapere.

Alda Merini

Posted by lapo2001 on nov 5th, 2009

Bambino

Bambino, se trovi l’aquilone della tua fantasia
legalo con l’intelligenza del cuore.
Vedrai sorgere giardini incantati
e tua madre diventerà una pianta
che ti coprirà con le sue foglie.
Fa delle tue mani due bianche colombe
che portino la pace ovunque
e l’ordine delle cose.
Ma prima di imparare a scrivere
guardati nell’acqua del sentimento.

Alda Merini

Questa è la mia preferita.
… da qualche giorno la poesia è un pò più sola…

Sul matrimonio

Posted by lapo2001 on ott 7th, 2009

Sul matrimonio – Kalihl Gibran

(Da: «Il Profeta»)

Allora Almitra di nuovo parlo e disse: Che cos’è il Matrimonio, maestro?
E lui rispose dicendo:
Voi siete nati insieme e insieme starete per sempre.
Sarete insieme quando le bianche ali della morte disperderanno i vostri giorni.
E insieme nella silenziosa memoria di Dio.
Ma vi sia spazio nella vostra unione,
E tra voi danzino i venti dei cieli.

Amatevi l’un l’altro, ma non fatene una prigione d’amore:
Piuttosto vi sia un moto di mare tra le sponde delle vostre anime.
Riempitevi l’un l’altro le coppe, ma non bevete da un’unica coppa.
Datevi sostentamento reciproco, ma non mangiate dello stesso pane.
Cantate e danzate insieme e siate allegri, ma ognuno di voi sia solo,
Come sole sono le corde del liuto, benché vibrino di musica uguale.

Donatevi il cuore, ma l’uno non sia di rifugio all’altro,
Poiché solo la mano della vita può contenere i vostri cuori.
E siate uniti, ma non troppo vicini:
Le colonne del tempio si ergono distanti,
E la quercia e il cipresso non crescono l’una all’ombra dell’altro.

Per me è meravigliosa.

‘A LENGUA MIA

Posted by lapo2001 on ago 1st, 2009

Ogni riferimento a persone, cose e fatti è puramente casuale.

‘A LENGUA MIA

Sapisseve che llotte che facc’io

cu ‘a lengua mia – Meglio ca nun parlasse -

ca si nun fosse ‘nu peccato ‘e Dio,

io, mo, senza penzarce, m”a tagliasse,

pecché parecchie guaje m’ha cumbinato,

parlanno senza freno e apertamente,

tutt”e cumpagne m’hanno abbandunato,

pe’ colpa ‘e chesta lengua indisponente.

- Nun parlà male – lle dich’io ogni tanto.

- Nun me fa appiccecà cu tutt”a gente,

mo mme saluta fratemo sultanto,

famm”o restà chist’urdemo parente -.

Ma chella traseticcia e capricciosa,

nun se vò maje fermà, manco ‘n’istante,

nfi’ a quanno nun ha ditto tutto cosa

cuntanno peste e ccorne a tutte quante.

È peggio d”a cecuta e d”a grammegna.

Parla sultanto quanno po’ fa male.

Dice: – Chi tene lengua va ‘nSardegna -

Ma io cu chesta, vaco a Puceriale.

Alberto Arrichiello

S’i fosse foco

Posted by lapo2001 on mag 8th, 2009


S’i fosse FuOcO, inserito originariamente da folletto_nga.

S’i fosse foco, arderei ‘l mondo;
s’i fosse vento, lo tempestarei;
s’i fosse acqua, i’ l’annegherei;
s’i fosse Dio, mandereil’ en profondo;
s’i fosse papa, allor serei giocondo,
ché tutti cristiani imbrigarei;
s’i fosse ‘mperator, ben lo farei;
a tutti tagliarei lo capo a tondo.
S’i fosse morte, andarei a mi’ padre;
s’i fosse vita, non starei con lui;
similemente faria da mi’ madre.
Si fosse Cecco com’i’ sono e fui,
torrei le donne giovani e leggiadre:
le zoppe e vecchie lasserei altrui.

Cecco Angiolieri

Next »

Archivi