Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.salviamopeterpan.com/htdocs/wp-content/plugins/paged-comments/paged-comments.php on line 31
By Your Side | Salviamo Peter Pan

By Your Side

Posted by lapo2001 on ott 5th, 2010

Alla fermata dell’autobus.
Ti vedo su quella panchina con il naso all’insù a cercar nuvole che ti lascino un attimo di meraviglia. Chissà se vedi ciò che ci vedo io?
La casa, la famiglia, le responsabilità e tutte le rotture quotidiane per un attimo le hai lasciate nel portafoglio, vicino al codice fiscale che adoperi per le sigarette, alla patente che usi solo come documento e all’abbonamento del bus. Hai infilato tutto nel posto più sicuro che conosci, non si possono e non si devono dimenticare, eh. Ma questo momento è il tuo momento. Non ti accorgi che ti sto osservando, non ti accorgi che il cellulare sta suonando e nemmeno che è passato il terzo pullman buono per tornare a casa. Sei lì, nell’attimo dell’estasi, a desiderare ciò che non c’è, ciò che non hai. Ma forse lassù, esiste un pezzo di cielo che è per te. C’è l’irrealizzabile che prende corpo tra una pecorella che diventa astronave e un gatto che muove la coda bucato da uno degli ultimi raggi di sole. Tu continui a guardare su. Sì, le nuvole. Le loro forme astruse non danno scampo quando è il tramonto. Si colorano di rosa e si stagliano precise e nette mentre la notte presto le addormenterà. Lontano, molto lontano si può notare la scia di un aereoplano. Fa deviare i soliti stagnanti pensieri e li spedisce su un altro pianeta, in un mondo nuovo e colorato. Un mondo in cui si respira anche senza aria, dove i sogni si realizzano al solo schioppo delle dita. Non ci sono domande che tormentano l’anima e le parole crociate non hanno segreti. Sì, t’immagino lì, magari con un bel paio d’ali a volteggiare nel vento e lo sguardo fiero di chi non sa più cos’è la colpa. E’il pianeta della vita. Forse somiglia un pò alla mia isola. Forse è ancora più bello.
E non preoccuparti di cosa verrà dopo. Il cielo tornerà come ogni sera a ricordarti chi sei e cosa ci fai là. Le sue tenebre forse ti faranno ripiombare nella cruda realtà dei dilemmi, ma non preoccuparti. Io continuerò ad osservarti e a ricordarti che ci sono nuvole e aerei che fanno guardare lontano, oltre l’inimmaginabile. E forse, magari, alla prossima fermata e al prossimo tramonto che vivrai, il mio pensiero ti farà sorridere. Lo senitrai più vicino. Al tuo finaco. Proprio come in questo momento. Come questo qui, che è il tuo momento.
Buon rientro.

You think I’d leave your side baby?
You know me better than that
You think I’d leave down when your down on your knees?
I wouldn’t do that

I’ll do you right when your wrong
I—–ohhh, ohhh

If only you could see into me

oh, when your cold
I’ll be there to hold you tight to me
When your on the outside baby and you can’t get in
I will show you, your so much better than you know
When your lost, when your alone and you can’t get back again
I will find you darling I’ll bring you home

If you want to cry
I am here to dry your eyes
and in no time you’ll be fine

You think I’d leave your side baby
You know me better than that
You think I’d leave you down when your down on your knees
I wouldn’t do that

I’ll do you right when your wrong
I—–I, ohhhh, ohhh

If only you could see into me

Oh when your cold
I’ll be there
To hold you tight to me
Oh when your alone
I’ll be there by your side baby
repeat 1x

Sade

Share and Enjoy:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace

Leave a Reply

Archivi