Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.salviamopeterpan.com/htdocs/wp-content/plugins/paged-comments/paged-comments.php on line 31
E fuori è buio | Salviamo Peter Pan

E fuori è buio

Posted by lapo2001 on gen 25th, 2008

E fuori è buio – Tiziano Ferro

Ho passato tanti anni in una gabbia d’ oro
Si forse bellissimo, ma sempre in gabbia ero…

Ognuno ha stramaledettissime telecamere, stramaledettissime foto, strafottutissimi mostri e straodiatissime 4 mura…in cui l’anima può solo lentamente morire,e contagiare della propria malinconia,se non si trova il motivo o la forza di trovarene uno, per guardare la luce e lasciar che i propri vampiri e le proprie paure muoiano fuori…e magari tornare a credere e…vivere…

A me stesso.

Share and Enjoy:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace

5 Responses to “E fuori è buio”

  1. 1
    Francesca Says:

    …credere in se stessi sicuramente aiuta a guardare la luce ma per abbandonare le proprie paure, bisogna trovare un motivo vero,qualcosa che riesca a far rinascere l’anima, a far uscire fuori la propria essenza e la voglia di vivere….
    Difficile…ma meno male che siamo coraggiosi e che abbiamo ancora la forza e la speranza di credere che ci sia qualcosa lì fuori che possa far ritornare a sorridere la nostra anima…io nel frattempo…attendo;)!!!

  2. 2
    Agathli Says:

    Poveri mostri…quello nell’armadio, l’uomo nero, quello sotto il letto…poveri noi perché ad un certo punto ci han detto che non era vero, che non esistevano. Poveri noi perché da allora non siamo più certi di chi o di cosa aver paura. Sappiamo solo di provarla…ma sì sarà colpa di qualcuno che ci sta minacciando ma non riusciamo a capire dove sia…ed eccoli lì!!Tutti dentro di noi, sono scomparsi dal buio del letto per entrarci dentro. Poveri noi perché quando lo comprendiamo iniziamo una battaglia persa in partenza: decidiamo di “controllarli”. Ma i mostri non si controllano: fanno parte di noi e noi facciamo parte di loro. Non vogliamo crederlo ma a modo loro una funzione la hanno: ci fanno sopravvivere, però riescono a fare solo questo…ci tengono in vita, ci fanno respirare e basta. Il resto è tutto spento; questo momento dovrebbe durare pochi attimi ma poi invece di cercare di capire perché si sono risvegliati, decidiamo che dobbiamo sconfiggerli!!E’ la fine!! Non sono più solo una parte di noi, diventano noi e decidono della nostra vita.
    E allora cosa ci vorrebbe? Non lo so.
    Forse il coraggio di alzarsi dal letto per aprire l’armadio e vedere che faccia abbia l’uomo nero…anche se…anche se sarebbe molto più bello che qualcuno venisse e ci portasse per mano fin lì per dimostrarci che non c’è nessun mostro di cui aver paura…ma siamo proprio dei bimbi sperduti!!!

  3. 3
    Geber_el Says:

    La malinconia ha le onde come il mare ti fa andare e poi tornare
    ti culla dolcemente
    la malinconia si balla come un lento la puoi stringere in silenzio
    e sentire tutto dentro
    è sentirsi vicini e anche lontani è viaggiare stando fermi
    è vivere altre vite
    è sentirsi in volo dentro gli aereoplani sulle navi illuminate
    sui treni che vedi passare
    ha la luce calda e rossa di un tramonto
    di un giorno ferito che non vuole morire mai
    sembra quasi la felicità, sembra quasi l’anima che va
    il sogno che si mischia alla realtà
    puoi scambiarla per tristezza ma e’ solo l’anima che sa
    che anche il dolore servirà
    e si ferma un attimo a consolare il pianto
    del mondo ferito che non vuol morire mai
    e perdersi tra le dune del deserto tra le onde in mare aperto
    anche dentro questa città
    e sentire che tutto si può perdonare, che tutto è sempre uguale
    cioè che tutto può cambiare
    è stare in silenzio ad ascoltare e sentire che può esere dolce
    un giorno anche morire
    nella luce calda e rossa di un tramonto
    di un giorno ferito che non vuole morire mai
    sembra quasi la felicità sembra quasi l’anima che va
    il sogno che si mischia alla realtà
    puoi scambiarla per tristezza ma è solo l’anima che sa
    che anche il dolore passerà
    e si ferma un attimo a consolare il pianto
    di un amore ferito che non vuole morire mai
    L. Carboni

  4. 4
    giancarlo Says:

    Quando credi di aver fatto pace con i mostri, di riuscire a conviverci,di autoconvincerti che stanno lì in un angolino buoni buoni,ti accorgi che loro la pace non la vogliono fare e ti sputano in faccia, ritornano più cattivi e violenti di prima e ti tocca solo ricominciare.
    Buonanotte.

  5. 5
    lapo2001 Says:

    In verità penso che anche noi non abbiamo alcuna voglia di fare la pace con loro,altrimenti non saremmo in continua lotta ad autofustigarci…La pace? Bisogna avere il coraggio di ammettere che essi sono la nostra debolezza; magari poi, riusciremo a sostituirli con qualcosa di reale che ci gratifichi,sempre che non ci sia qualcuno che ci dica anche stavolta che Babbo Natale non esiste…Beh,sembra quasi la felicità…Grazie Francesca,Agathli,Geber_el e giancarlo di avermi dato soddisfazione su un argomento che oggi mi tocca particolarmente.

Leave a Reply

Archivi