Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.salviamopeterpan.com/htdocs/wp-content/plugins/paged-comments/paged-comments.php on line 31
Un’emozione da poco | Salviamo Peter Pan

Un’emozione da poco

Posted by lapo2001 on apr 30th, 2008

Non ci sta niente da fare, le esperienze più belle sono quelle in cui non ci si chiede nulla, sono quelle che mentre le stai vivendo, sai che finiranno. Perchè vivi profondamente quel periodo. In ogni singolo istante, ogni singola emozione la senti al 100% , per quella che è, non ha un seguito. E dopo che l’esperienza sarà finita, si deve essere fortunati a non avere nemmeno il tempo e il modo per poterla rovinare. Così, rimane un’emozione pulita, eterna. Il famoso qui ed ora.

Purtroppo però, resterà comunque un’emozione da poco, perchè termina in un lampo, e come tutte le cose che finiscono, lasciano nel cuore quel sollievo o rifugio per il ricordo della loro bellezza, ma che con sè si porteranno anche una bella fetta di te ed il vuoto dentro condito con un pò di rabbia sarà inevitabile. Vita e morte quasi nello stesso momento.

Gli antichi dicevano: vivi ogni giorno come se fosse l’ultimo… Si riferivano forse a questo?

Non ci sta niente da fare, le esperienze più belle sono quelle che sai che finiranno… Peccato non riuscire a darne un seguito, ma probabilmente non sarebbe la stessa cosa… o no?…

…Forse se fossimo dei superuomini…

C’è una ragione che cresce in me
e l’incoscenza svanisce
e come un viaggio nella notte finisce
dimmi, dimmi, dimmi che senso ha
dare amore a un uomo senza pietà
uno che non si è mai sentito finito
che non ha mai perduto, mai
per me, per me una canzone
mai una povera illusione
un pensiero banale qualcosa che rimane
invece per me, più che normale
che un’emozione da poco
mi faccia stare male
una parola detta piano basta già
ed io non vedo più la realtà
non vedo più a che punto sta
la netta differenza
fra il più cieco amore
e la più stupida pazienza
no, io non vedo più la realtà
nè quanta tenerezza ti da
la mia incoerenza
pensare che vivresti
benissimo anche senza.
C’è una ragione che cresce in me
e una paura che nasce
l’imponderabile confonde la mente
finchè non si sente
e poi, per me più che normale
che un’emozione da poco
mi faccia stare male
una parola detta piano basta già
ed io non vedo più la realtà
non vedo più a che punto sta
la netta differenza
fra il più cieco amore
e la più stupida pazienza
no, io non vedo più la realtà
nè quanta tenerezza ti da
la mia incoerenza
pensare che vivresti
benissimo anche senza.

Anna Oxa

Share and Enjoy:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace

Leave a Reply

Archivi